Florida Strage 140919063930
FOLLIA 19 Settembre Set 2014 0635 19 settembre 2014

Usa, strage in Florida: uccide la figlia e sei nipoti

L'uomo s'è suicidato. Nel 2001 aveva sparato al figlio in un incidente di caccia.

  • ...

Donald Spirit, era un pregiudicato noto alla polizia per vari reati.

Tragedia della follia in Florida, dove un uomo ha ucciso la figlia e i suoi sei nipotini, di età compresa tra i tre mesi e 10 anni, e poi si è sparato.
L'uomo, il 51enne Donald Spirit, era un pregiudicato noto alla polizia per vari reati, tra cui alcuni relativi agli stupefacenti. Nel 2001 aveva ucciso il figlio Kyle, di otto anni, sparandogli alla testa in quello che era stato giudicato un incidente di caccia. In seguito era stato condannato a tre anni di prigione per detenzione illegale di armi da fuoco.
STRAGE E SUICIDIO. Nel pomeriggio di giovedì 18 settembre, l'uomo ha chiamato la polizia alla sua abitazione e quando gli agenti sono arrivati ha rivolto l'arma verso se stesso e ha fatto fuoco, uccidendosi, secondo quanto ha riferito ai giornalisti lo sceriffo locale Robert Shultz, che non ha voluto rivelare che tipo di arma sia stata usata per la strage.
Il nome delle sue vittime, ha detto lo sceriffo, non viene ancora reso noto poiché non tutti i loro parenti sono stati ancora avvisati.
BELL SOTTO CHOC. Bell è una cittadina di 35 mila abitanti nel Centro Nord della Florida e ora è sotto choc, ha detto Shultz.
«Ci sono alcune cose nella vita che si possono spiegare, altre no», ha affermato lo sceriffo, citato dall'Orlando Sentinel. «Qui siamo come una famiglia e continueremo a esserlo e riusciremo a superare quanto è successo». E apparentemente la famiglia era importante anche per Spirit.
PROBLEMI PSICHICI. Prima del processo per l'uccisione del figlio Kyle, in un'intervista allo stesso Orlando Sentinel aveva affermato nel 2003 di avere problemi psicologici, di essere stato in una clinica per malattie mentali e di essere sotto farmaci. Ma «le medicine non funzionano»: «L'unica medicina che ho», aveva detto, «è la mia famiglia».

Correlati

Potresti esserti perso