Standard Poor 120704184300
PROCESSO 22 Settembre Set 2014 1224 22 settembre 2014

Inchiesta rating Standard & Poor's a Trani, chiesti i rinvii a giudizio

Il pm: manager e analisti manipolarono il mercato. 'Pagella' sull'Italia inattendibile.

  • ...

Un ufficio di Standard and Poor's.

Il pm del tribunale di Trani, Michele Ruggiero, ha chiesto il rinvio a giudizio per i sei imputati, manager e analisti di Standard & Poor's, accusati di manipolazione del mercato.
La richiesta è stata ribadita al termine della discussione all'udienza preliminare in corso dinanzi al gup del tribunale di Trani Angela Schiralli.
«GIUDIZI INATTENDIBILI». Ruggiero non ha dubbi: il contenuto delle intercettazioni compiute durante le indagini e la mail interna sequestrata (nella quale è contenuta l'affermazione di presunti errori nei report sulle banche italiane) confermano l'inattendibilità dei giudizi di rating espressi da S&P sull'Italia.
«VOLONTÀ DI DECLASSARE». Gli stessi elementi di prova fanno emergere contrasti tra analisti al vertice della società di rating e la deliberata volontà di declassare l'Italia pur in assenza dei presupposti, come implicitamente dichiarato nella missiva dagli stessi analisti il giorno stesso del declassamento del 13 gennaio 2012.
PARLAVANO DEL POST-BERLUSCONI. Già nell'agosto del 2011, tre mesi prima delle dimissioni del premier Berlusconi, in una mail interna - ha rilevato il pm - analisti della società parlavano del probabile ricorso a un governo tecnico, in questo modo alterando le successive valutazioni sul rating.

Correlati

Potresti esserti perso