Milano Matrimonio Omosessuale 140922160258
DIRITTI CIVILI 22 Settembre Set 2014 1554 22 settembre 2014

Nozze gay, coppie in Comune a Milano: «Vogliamo una risposta di Pisapia»

Chiedono la trascrizione del loro matrimonio avvenuto all'estero.

  • ...

Dodici coppie omosessuali, sposate fuori dall'Italia, si sono riunite davanti all'ufficio anagrafe del Comune di Milano per chiedere la trascrizione della propria unione. L'iniziativa ha lo scopo di sollecitare una posizione definitiva del sindaco Giuliano Pisapia riguardo alle nozze gay.

Dopo le polemiche suscitate a Bologna, i matrimoni gay sono al centro dell'attenzione anche a Milano.
Una dozzina di coppie omosessuali, sposate fuori dall'Italia, si è riunita il 22 settembre davanti all'ufficio anagrafe del Comune.
I coniugi, assistiti dall'avvocatura per i diritti Lgbt (Rete Lenford), hanno chiesto la trascrizione della propria unione «al pari delle altre coppie che scelgono un matrimonio all'estero».
«MESI DI CONFRONTO INUTILI». Come è stato comunicato in una nota sottoscritta dal gruppo, l'iniziativa ha avuto lo scopo di sollecitare una «posizione definitiva al sindaco Giuliano Pisapia, che da oltre quattro mesi ha avviato tramite l'assessore alle politiche sociali, Pierfrancesco Majorino, un confronto con Rete Lenford, finito due mesi fa in un vicolo cieco».
«NON È CONTRO L'ORDINE PUBBLICO». «Alcuni di noi» hanno aggiunto i manifestanti «hanno già in tasca un rifiuto formale alla trascrizione da parte del Comune di Milano per contrarietà all'ordine pubblico, una motivazione già ampiamente smentita dalla Corte di Cassazione».

Correlati

Potresti esserti perso