Della Puppa 140922112712
SCIVOLONE 22 Settembre Set 2014 1120 22 settembre 2014

Politico della Lega Nord, frase choc contro gli zingari su Facebook

Battuta razzista di Puppa, esponente veneto della Lega. Aveva già attaccato Kyenge.

  • ...

Il post pubblicato dal segretario della Lega Nord di Maserada in provincia di Treviso, Andrea Della Puppa.

Una battuta razzista su Facebook e il segretario della Lega Nord di Maserada in provincia di Treviso, Andrea Della Puppa è finito al centro delle polemiche.
«Cosa si lancia a uno zingaro che sta affogando? La moglie e i figli», ha scritto il rappresentante del Carroccio sul social network. Che ha poi raccolto quattro «mi piace».
Immediate le reazioni di sdegno nel Trevigiano, anche perché queste parole sono affidate all'effige di un papero con in bocca una sigaretta.
POST RAZZISTI. Non contento, in un post di due giorni fa, Della Puppa aveva citato l'ex ministro Cécile Kyenge e la sua esortazione ad accogliere con calore gli immigrati, accompagnata dalla foto di Adolf Hitler e di un lanciafiamme, insieme con la scritta: «E allora diamogliela, per Dio!».
APOLOGIA DI NAZISMO. Da più parti viene ora ventilata l'ipotesi di presentare un esposto affinché sia applicata la legge Mancino che sanziona l'istigazione, in particolare, a gesti ispirati al nazifascismo.
Della Puppa nelle elezioni amministrative dia primavera si era anche candidato al Consiglio comunale. Ecco le reazioni del web alla sua 'battuta':

ZAIA PRENDE LE DISTANZE. Il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, ha espresso la sua «condanna»: «Condanniamo nella forma più assoluta questo modo di agire e di dire. Questo non è il pensiero della Lega, è un atteggiamento di inciviltà che nulla ha a che vedere con il pensiero della Lega». Il governatore ha invitato poi l'interessato a scusarsi: «Della Puppa si scusi pubblicamente e la direzione della Lega assuma i provvedimenti conseguenti».

Correlati

Potresti esserti perso