Annabelle Forest 140922153748
GALLES 22 Settembre Set 2014 1538 22 settembre 2014

Violentata da 1.800 adepti di una setta satanica

La storia di Annabelle, costretta all'abuso dalla madre nel giorno del suo 18esimo compleanno.

  • ...

Colin Batley, capo della setta satanica, condannato a 12 anni per violenze su minore.

Violentata il giorno del suo 18esimo compleanno da 1.800 appartenenti a un culto satanico. È questa la terribile esperienza che una giovane donna del Galles ha deciso di raccontare in un libro, Devil on the Doorstep, sotto lo pseudonimo di Annabel Forest.
A 11 ANNI LA PRIMA VIOLENZA. La Forest ha confessato che sin da bambina era costretta dalla madre, Jacqueline Marlengo, ad assistere mentre faceva sesso con più uomini durante i rituali della setta. A soli 7 anni ricevette la sua iniziazione e quattro anni dopo arrivò la prima violenza. Da quel momento la madre e il capo del gruppo, Colin Batley, la costrinsero a prostituirsi. «Di giorno ero una normale studentessa e di notte una prostituta che raccoglieva soldi per una setta satanica», ha spiegato.
A 17 ANNI HA UN FIGLIO DAL SUO PADRINO. A 17 anni Annabelle rimase incinta ed ebbe un figlio dal suo padrino, ma non ebbe mai modo di vederlo, perché le fu strappato appena dopo il parto. L'anno dopo, il suo giorno di compleanno, è stata costretta ad avere rapporti sessuali con 1.800 uomini.
Jacqueline e Batley, definito dalla ragazza «un manipolatore», sono stati condannati a 12 anni di carcere per violenza su minore.
«MIA MADRE? NON LA PERDONERÒ MAI». Annabelle ha scritto di non avere alcuna intenzione di perdonare la madre. «Non capisco come possa essersi prestata a questo tipo di cose», ha spiegato, «io ero sua figlia, che mi concedesse in questo modo era innaturale. Non ho più intenzione di vederla, non la perdonerò mai».
La ragazza ha spiegato ai giornali che ha preso la scelta dolorosa di raccontare le sue memorie con l'intento di denunciare questo tipo di sette e le violenze che si celano dietro.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso