Guardia Finanza 130608095543
TENSIONE 23 Settembre Set 2014 0738 23 settembre 2014

Crisi Ucraina, l'Italia congela i beni del magnate Rotenberg

Sanzioni a Rotenberg. Sequestrate ville in Sardegna. Sigilli a un hotel di Roma.

  • ...

Un'auto della guardia di finanza.

Nel braccio di ferro tra Ue e Russia per le vicende dell'Ucraina, la Guardia di Finanza ha eseguito il congelamento di beni per 30 milioni di euro - tra i quali un lussuoso albergo a Roma e alcune ville in Sardegna - posseduti in Italia da Arkadi Rotenberg, amico del presidente russo Vladimir Putin e al quinto posto nella lista degli imprenditori colpiti da sanzioni dell'Unione Europea.
UN HOTEL E DIVERSE VILLE. Come ha riportato il Corriere della Sera, il provvedimento, eseguito dal nucleo speciale di polizia valutaria della Guardia di Finanza fa riferimento al regolamento n.269 del 2014 adottato dall'Unione Europea e consiste in «misure per prevenire, contrastare e reprimere il finanziamento del terrorismo e l'attività di Paesi che minacciano la pace e la sicurezza internazionale».
Tra i beni congelati in Italia a Rotenberg (con effetto retroattivo dal 30 luglio scorso) vi sono il Berg Luxury Hotel, albergo a quattro stelle nel centro di Roma, un immobile a Tarquinia, una villa a Villasimius e due a Porto Cervo.
AMICO DI PUTIN. Il congelamento dei beni comporta il «divieto di spostare, trasferire, alterare, utilizzare o gestire i beni o di accedere ad essi in modo da modificarne il volume, l'importo, la collocazione, la proprietà, il possesso, la natura e la destinazione o di introdurre altri cambiamenti tali da consentire l'uso dei fondi in questione, compresa la gestione di portafoglio».
ROTENBERG: «SANZIONI ILLEGITTIME E ASSURDE». Rotenberg ha definito «illegittime» e «assurde» le sanzioni imposte sui suoi beni dall'IItalia: «Io sono sotto sanzioni da alcuni mesi e non mi stupisce più nulla. Sono però sorpreso che in questo caso si parli di immobili, che non ricadono sotto le sanzioni», ha osservato il magnate, sostenendo che esse «riguardano solo i miei conti e i miei asset, che in Italia non ho». «Questo prova ancora una volta tutta l'assurdità e la illegittimità della situazione», ha aggiunto.
Anche Andrei Baturin, rappresentate legale dell'oligarca ha contestato la legittimità del congelamento di beni. Rotenberg «non possiede conti bancari in Italia» e il capitolo immobiliare «non è chiaro perché se l'albergo a quattro stelle di Roma può essere considerato un asset, i suoi immobili personali che non sono stati oggetto di vendita e di alcun altro affare non possono essere considerati tali e non devono ricadere sotto le sanzioni».

Correlati

Potresti esserti perso