Quattro Medici Trasportano 140910114134
RISCHIO CONTAGIO 23 Settembre Set 2014 0721 23 settembre 2014

Ebola, allarme dagli Usa: 1,4 milioni di casi entro gennaio

Scenario peggiore senza le misure necessarie. Anche l'Oms lancia l'allarme.

  • ...

Quattro medici trasportano il cadavere di una vittima di ebola.

Il Centers for Disease Control and Prevention, l'ente nazionale americano che si occupa di salute pubblica, ha lanciato un allarme sull'epidemia di Ebola, secondo cui entro il gennaio 2015 i casi in Africa occidentale potrebbero raggiungere quota 1,4 milioni.
Secondo il Cdc, nella peggiore delle ipotesi è questo lo scenario che si profila per la Liberia e la Sierra Leone se non si adotteranno le misure necessarie per fermare l'epidemia. I due Paesi africani potrebbero arrivare a toccare già quota 21 mila casi entro il prossimo 30 settembre.
MOLTI CASI NON RIPORTATI. Il New York Times scrive che i dati tengono in considerazione il fatto che molti casi non vengono rilevati e che in realtà sono superiori di due volte e mezzo quelli riportati. Ma oltre ad un scenario negativo, il Cdc ne prevede anche uno positivo e che si profilerebbe qualora le vittime siano sepolte in modo corretto e con il 70% dei pazienti curati in ambienti con basso rischio di trasmissione. In questo caso in entrambi i Paesi l'epidemia sarebbe estinta entro fine gennaio dell'anno prossimo.
Anche l'Organizzazione mondiale della sanità ha lanciato l'allarme sull'emergenza ebola in Africa. Secondo l'Oms, «più di 20 mila persone saranno infettate dal virus ebola entro novembre se non si farà nulla per rafforzare le misure di controllo dell'epidemia in Africa occidentale».
VERSO I 10 MILA CONTAGI IN LIBERIA. Questo avvertimento è stato pubblicato in uno studio pubblicato il 23 settembre dal New England Journal of Medicin. Secondo gli esperti, «se non vi sarà alcun cambiamento nelle misure di controllo dell'epidemia», a novembre si conteranno 9.939 casi in Liberia, 5.925 in Guinea e 5.063 in Sierra Leone».

Correlati

Potresti esserti perso