Ambulanza 140915160905
TRAGEDIA 25 Settembre Set 2014 1008 25 settembre 2014

Roma, bimba di tre anni muore azzannata dal suo cane

La piccola è stata morsa a collo, braccia e testa da un pastore tedesco.

  • ...

Un'ambulanza.

Tragedia domestica in una villetta alle porte di Roma dove una bimba di appena tre anni è stata azzannata e uccisa dal suo cane, un pastore tedesco.
Il dramma si è consumato in pochi istanti la sera del 24 settembre a Fiano Romano, quando l'animale ha improvvisamente morso la piccola al collo, sulle braccia e sulla testa.
Quando il papà l'ha soccorsa era già in condizioni disperate, accasciata in terra, e piena di sangue. La piccola è stata trasportata d'urgenza dal 118 al policlinico Sant'Andrea di Roma, dove è deceduta qualche ora più tardi.
VITTIMA DI UN ATTIMO DI DISTRAZIONE DEI GENITORI. Secondo la ricostruzione dei carabinieri, la bimba era uscita in cortile con il padre per portare il pasto serale a Bobby (questo il nome del pastore tedesco) e agli altri tre cani da caccia. Dopo aver richiuso la gabbia ha chiesto di poter andare dal nonno che abita nella villa accanto, passando per il giardino in comune, e il papà ha acconsentito. La piccola, invece, è ritornata alla gabbia del pastore tedesco ed è riuscita ad aprirla. Il cane l'ha morsa con ferocia, almeno cinque volte. La ferita più grave è stata alla gola dove le avrebbe trafitto la trachea. Quando ha sentito le sue urla il padre si è precipitato in cortile e si è trovato di fronte una scena terribile.
I genitori della piccola sono ancora sotto choc.
IL PADRE SOTTO CHOC: «IL SIGNORE HA VOLUTO COSÌ». I genitori della piccola sono ancora sotto choc. Sul luogo della tragedia la mattina di giovedì 25 settembre hanno messo un orsacchiotto di peluche che abbraccia la foto della loro unica figlia.
Il papà, un operatore ecologico di 46 anni, ha sussurrato a un parente che lo ha incontrato: «Era destino, il Signore ha voluto così».
IL NONNO DELLA BIMBA: «QUEL CANE ERA STRANO». In molti, compreso il parroco del paese, hanno voluto portare una parola di conforto alla famiglia distrutta dal dolore. «È una tragedia enorme», ha detto Vincenzo, uno zio della bambina. Il nonno della piccola ha raccontato, «quel cane da tempo voleva darlo via perché lo vedeva strano», ma il figlio non ha voluto. «Diceva che Bobby era buono, controllato con il chip e non aveva mai dato problemi alle persone».
Dagli accertamenti effettuati dai carabinieri della stazione di Fiano Romano è emerso, infatti, che il pastore tedesco era tenuto nel rispetto delle attuali normative e iscritto all'anagrafe canina. Il cane è stato affidato al servizio veterinario dell'Asl di Bracciano per effettuare la profilassi.
LA PROCURA APRE UN'INCHIESTA. E intanto la procura di Rieti ha aperto un fascicolo sulla morte della bimba. Il procuratore Giuseppe Saieva ha affidato gli accertamenti al pm Lorenzo Francia che procede per omicidio colposo ed omessa vigilanza di minore. Gli inquirenti sono in attesa di una prima informativa del carabinieri per accertare eventuali responsabilità dei genitori, e hanno disposto l'acquisizione della cartella clinica dell'ospedale.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso