Hong Kong Protesta 140927111942
MANIFESTAZIONE 27 Settembre Set 2014 1110 27 settembre 2014

Hong Kong, protesta studenti contro la Cina: feriti e arresti

Almeno 13 i fermati. I giovani chiedono elezioni libere nell'ex colonia britannica.

  • ...

In Piazza per democrazia e libertà. Oltre 13mila universitari hanno deciso di unirsi allo sciopero delle lezioni scolastiche ad Hong Kong. La mobilitazione di massa ha lo scopo preciso di convincere Pechino a rispettare le promesse e concedere al Territorio il suffragio universale, dopo che il governo centrale cinese ha respinto le richieste degli abitanti della ex colonia britannica per il voto del 2017.Il 'mare bianco', come è stato definito il movimento da alcuni media locali, ha invaso il campus dell'Università cinese dal quale è partita la protesta. Insieme agli studenti anche insegnanti, liceali e giovani della Cina continentale hanno disertato le aule per manifestare contro le mancate riforme di Pechino. Lo sciopero si protrarrà fino al 1° ottobre, quando è attesa una grande manifestazione organizzata insieme al collettivo Occupy Central.(immagini AFP)

È di 29 feriti e 13 arresti il bilancio dei disordini scoppiati tra il 22 e il 27 settembre a Hong Kong, dove prosegue la protesta dei movimenti per la democrazia contro le decisioni adottate dalle autorità di Pechino di limitare la partecipazione al voto nelle prossime elezioni nella ex colonia britannica.
ASSEDIO AL GOVERNO. Secondo quanto riferito dalla Bbc, oltre 100 manifestanti sono riusciti a forzare la porta della sede del governo (almeno 50 sono stati allontanati).
Una cinquantina di loro si troverebbe ancora all'interno del complesso governativo circondati da agenti in assetto anti sommossa.
Tredici persone tra i 16 e i 35 anni, ha reso noto la polizia, sono state arrestate. Tra queste il leader della protesta, il 17enne Joshua Wong.
LA MANO DI PECHINO SUL VOTO. Le proteste sono esplose quando Pechino, il 22 settembre, ha fatto sapere che il capo del governo locale sarà eletto a suffragio universale ma che i candidati saranno selezionati da una commissione cinese e saranno al massimo tre.
Da allora più di 5 mila studenti universitari e liceali sono scesi in piazza, disertando le lezioni, davanti alle sedi del governo dell'ex colonia britannica a Tamar Park. Le manifestazioni sono state definite illegali dal governo cinese.

Correlati

Potresti esserti perso