Monete Romane 140927111946
ARCHEOLOGIA 27 Settembre Set 2014 1125 27 settembre 2014

Inghilterra, col metal detector scopre 22 mila monete romane

Il ritrovamento nel 2013. Merito di un 51enne che dormì tre giorni all'aperto.

  • ...

Monete romane in una foto d'archivio.

Gli era bastato un metal detector per scovare una delle più grandi riserve di monete romane mai trovate in Gran Bretagna a Seaton Down nella contea del Devon. Eppur non poteva credere ai suoi occhi il 51enne Laurence Egerton quando s'imbatté in 22 mila monete risalenti a circa 1.700 anni fa. E subito l'uomo si rese conto di essere davanti a una scoperta eccezionale.
SVELATO IL TESORO. Come ha spiegato il British Museum, infatti, si trattava del quinto più grande ritrovamento di monete romane nel Regno Unito.
La scoperta risale a novembre 2013, ma ora il museo ha deciso di svelare il tesoro e dal 25 settembre ha esposto le monete. E i quotidiani britannici hanno spiegato come sia venuto alla luce il ritrovamento, che, a detta di alcuni esperti, potrebbe valere non meno di 100 mila sterline (circa 130 mila euro).
SCOPERTA COL METAL DETECTOR. Dopo quasi un anno dalla scoperta, Egerton ha svelato che nel 2013 stava usando il suo metal detector nei pressi del sito Honeyditches dove in passato era già venuta alla luce una villa romana quando s'è accorto della presenza di qualcosa di metallico nel terreno. Quindi, con una pala, ha scavato più a fondo, finché non ha ritrovato le monete.
«È stato un momento emozionante», ha riferito all'Independent, «avevo già trovato una o due monete romane, ma mai così tante insieme».
MONETE IN OTTIMO STATO. Quindi il 51enne ha avvertito gli esperti, ma per assicurarsi che tutto si svolgesse in modo regolare, Egerton - cui spetta parte dei ricavi della scoperta - dormì «per tre fredde notti» nei pressi del campo finché gli archeologi non completarono lo scavo: l'uomo ha raccontato di aver dormito addirittura con tre felpe e una coperta all'aperto, perché a causa della sua altezza era scomodo all'interno della sua macchina.
«Le monete erano in ottimo stato», ha dichiarato Bill Horner, della squadra di esperti che ha coordinato i lavori.
CATALOGAZIONE FINITA. Da novembre 2013 a oggi, il British Museum ha pulito, identificato e catalogato il tesoro: secondo quanto riferito, le monete vanno dal 260 al 350 dopo Cristo e hanno diversi ritratti, che per Horner sono attribuibili «all'albero genealogico della Casa di Costantino».
Stando a quanto ha spiegato il British Museum, la più grande scoperta in Gran Bretagna di monete risale al 1978, quando vennero ritrovate 55 mila monete.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso