Papa 140928121330
DICHIARAZIONI 28 Settembre Set 2014 1210 28 settembre 2014

Bergoglio: «La violenza sugli anziani è disumana»

Papa Francesco e Ratzinger insieme alla festa dei nonni.

  • ...

Papa Francesco e Joseph Ratzinger.

Il papa e il papa emerito Benedetto XVI sono insieme in piazza San Pietro per l'incontro dei nonni. Mons. Paglia ha definito Benedetto XVI «primo nonno tra tutti i nonni», e ha ricordato che spesso la vecchiaia è vissuta come un naufragio e la fragilità come una condanna, sottolineando come Anna Magnani fosse orgogliosa delle sue rughe, che, diceva, «me sono guadagnata una per una».
Ha quindi rivolto un saluto al papa, Mubarak, 74 anni, profugo dal Kurdistan iracheno, in piazza con la moglie Aneesa, 68 anni. Mubarak ha ricordato e le sofferenze del suo popolo, e il fatto che Aneesa e lui sono sposati da 51 anni, hanno 10 figli e 12 nipoti.
«VIOLENZA SUGLI ANZIANI È DISUMANA». Parlando alla coppia il papa ha detto che «la violenza sugli anziani è disumana, come quella sui bambini, ma Dio non vi abbandona, è con voi, con il suo aiuto voi siete e continuerete ad essere memoria per il vostro popolo e anche per noi».
Gli anziani hanno un «compito grande trasmettere alla vita di una famiglia, di una comunità di un popolo: condividere una saggezza, e la stessa fede. E», ha detto il Papa, «in quei Paesi dove la persecuzione religiosa è stata crudele, penso per esempio l'Albania dove mi sono recato domenica scorsa, sono stati i nonni a battezzare i bambini di nascosto e a dare la fede, bravi, sono stati bravi nella persecuzione e hanno salvato la fede in quel Paese».
«CASE PER ANZIANI NON SIANO PRIGIONI». «Non sempre un nonno o una nonna», ha proseguito Bergoglio, «hanno una casa, allora ben vengano le case per gli anziani, ma che siano veramente case e non prigioni, e che siano per gli anziani, e non per l'interesse di qualcuno altro, non ci devono essere istituti dove gli anziani vivono nascosti e dimenticati. Mi sento vicino a questi anziani che vivono in questi istituti e penso con gratitudine a quanti si prendono cura di loro».

Correlati

Potresti esserti perso