Documentario Sesso Make 131029174254
LA MODA CHE CAMBIA 28 Settembre Set 2014 1719 28 settembre 2014

Tra tanti manuali sul sesso, mai uno sull'amore

Prima c'era Cime Tempestose. Adesso Sex&lovers, a practical guide.

  • ...

La terapeuta Ann-Marlene Henning spiega a una coppia i piaceri del sesso.

«E adesso come faccio a spiegare a mio figlio che il sesso non è un sequela di tum-tum-tum?», racconta per onomatopea un’amica carissima, manager impegnata e madre separata di un 11enne per molti versi geniale che, come tanti altri, negli ultimi anni soprattutto, è stato iniziato all’esistenza del sesso da un filmino pornografico mostrato da un amico più grande e per fortuna è subito a corso a dirlo alla madre. Adesso sono entrambi sono sotto choc.
COME MONTARE UNA LIBRERIA IKEA. Lei per averlo lasciato a dormire a casa dell’amico scafatino e malizioso, lui per l’orrore di quella «roba lì, perché non può essere così, mamma, che schifo», tanto che da settimane è tornato ad ascoltare le fiabe sonore della prima infanzia e a giocare concentratissimo a basket. Ci sono tanti ragazzini ancora così, con la curiosità di “sapere com’è” e la speranza che non sia come glielo mostriamo noi adulti, compreso quel best seller tedesco di educazione sessuale che, come ha scritto giustamente Annalena Benini sul Foglio, «sembra il manuale per montare la libreria dell’Ikea»: prendi qui, sposta di là, gira la vite a destra tre volte e poi, com’è come non è, ti ritrovi con la libreria che pencola da una parte, il cacciavite storto e tre bulloni di cui non sai che fare in mano.
LA GUIDA DI HENNING. Il manuale in questione, forse ne avrete sentito parlare in questi giorni, si intitola Sex&lovers, a practical guide, ed è stato scritto da Ann-Marlene Henning, una sessuologa di ambizioni televisive che, come tutta la categoria, s'è sentita di questi tempi superata a destra da Youtube: è non solo molto esplicito, ma da lei caldamente raccomandato «anche ai decenni, perché si sa che ve ne sono alcuni che già a 10 anni hanno rapporti sessuali». In che percentuale lo facciano, e con quale grado di sviluppo anche e puramente fisico-meccanico, non è dato sapere, ma evidentemente fra Danimarca e Germania i ragazzini delle elementari sono più svegli dei nostri che a 11 tornano ad ascoltare Cappuccetto Rosso.
IL SESSO COME ESERCIZIO GINNICO. Su Amazon, dove il libro ha spopolato, i commenti all’acquisto sono tutti positivi, anche da parte di presunti genitori compiaciuti di aver potuto finalmente «intavolare una bella discussione sul sesso in famiglia», che è una bella fesseria di per sé (che genitori sono, se hanno bisogno di farsi sostituire da un manuale per affrontare un argomento che spetta a loro toccare, e nel modo migliore per il loro figlio?). Sfogliando il libro, l’impressione è ancora peggiore. I ragazzi che vi compaiono, in veste di modelli-istruttori, sorridenti o concentrati a seconda della posizione e del momento, hanno l’aria di compiere un esercizio ginnico: con leggerezza e partecipazione, certamente, ma anche loro con gran sfoggio di “tum-tum-tum”, cioè rappresentando l’attività che, vista così, fa appunto un po’ senso o un po’ ridere, come la famosa e storica battuta sulla posizione scomoda, la fatica improba e la soddisfazione fugace.

Un trattato su misure, posizioni e pratiche più gettonate

Alcune immagini del manuale sessuale di Ann-Marlene Henning.

Il libro contiene altre utili informazioni, fra cui le misure medie del pene (cioè, la maggiore fonte di ansia per i ragazzi di ogni età e ogni epoca), l’elenco pressoché completo di posizioni/varianti/pratiche più gettonate con o senza uso di mezzi meccanici, il gradiente del gusto dello sperma e altre indicazioni dell’unico genere che un sessuologo può dare, e che dunque non contemplano tutto ciò che evita l’effetto “tum-tum-tum” anche agli occhi di un neofita 11enne, e cioè amore, rispetto, mistero e pudore.
L'IMPORTANZA DEI GENITORI. Chissà se i genitori incapaci di affrontare il tema del sesso con i propri figli reputano così utile che imparino quanto prima a stendere sul letto le «lenzuola di vinile per un’orgia a base d’olio», o se forse non potrebbero farsi venire il dubbio di aver tralasciato una parte importante dell’argomento fra le “risate e l’ironia” di cui paiono aver condito (olio escluso, si immagina) la conversazione post-lettura del manuale. La sola possibilità che si possa fare del sesso con ironia a undici anni è quanto di più aberrante si possa immaginare, e forse sarebbe anche l’ora di smetterla di usare l’arma dell’ironia come salvacondotto per ogni scemenza o per ogni bestialità che ci passa per la mente.
IL LIBRO EMANA DESOLAZIONE. La desolazione che emana da questo manuale è così elevata da offrire un margine di ragione ai teorici dell’Islam, sebbene non per quegli organi sessuali a vista, per quelle posizioni esibite, per quelle bocche dischiuse, ma per la mancanza assoluta di emozione che provocano. Per non prendere mai in considerazione la ragione ultima che, ancora una volta, impedisce di vedere nel sesso una ripetizione meccanica di tum-tum-tum o, come dice la sessuologa con la sua faccia di mercantessa astuta, di piazzista del cunnilingus, «nove volte il passerotto e una la balena, poi otto volte il passerotto e due la balena, quindi otto volte il passerotto…» e tu te li vedi lì quei ragazzini che contano, sperando di far bene, come dice il manuale. Neanche la balena, si accoppia così.
C'ERA UNA VOLTA CIME TEMPESTOSE. E se la nuova generazione genitoriale non sa spiegarlo ai suoi figli (in Inghilterra, raccontava di recente il mensile Tatler, è tornata la moda di mandare i ragazzi a “svezzarsi” dalle professioniste del sesso), potrebbe mettere loro in mano un libro che insinui nelle teste adolescenti almeno l’idea della passione. Non la melassa di Federico Moccia, però, non i “trenidipanna” o altri esercizi di scrittura. Cime Tempestose, per esempio. Venne scritto da una zitella dello Yorkshire nel 1847. Parla di fantasmi, di faide familiari, di odi e di vendette attorno a un amore grandissimo. Il sesso si intuisce; la passione, invece, è evidente. Potete non crederci, ma i ragazzi lo divorano.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso