Roberto Maroni 140611134651
IL CASO 1 Ottobre Ott 2014 1224 01 ottobre 2014

Expo, pressioni da Maroni per viaggio a Tokyo con Paturzo

Per il pubblico ministero il governatore chiese di pagare alla fedelissima il viaggio.

  • ...

Roberto Maroni, governatore della Lombardia.

Roberto Maroni, alla fine, a Tokyo non c'è andato.
Ma per il suo viaggio era tutto pronto. La trasferta del governatore, fissata per il 30 maggio scorso, è saltata all'ultimo momento, per un motivo sul quale sta indagando la procura di Milano.
EXPO NON HA PAGATO IL BIGLIETTO. Sembra infatti che Maroni, che avrebbe dovuto festeggiare a Tokyo la ricorrenza del 2 giugno con una delegazione della Regione, ci abbia rinunciato perché Expo Spa si era rifiutata di pagare le spese (6.500 euro) a una cara amica del presidente, Maria Grazia Paturzo, la cui assunzione a 5 mila euro al mese nella società che cura l’allestimento dell’Esposizione universale è da qualche mese sotto i riflettori della magistratura. A Maroni sono contestate pressioni indebite sulla società, mentre un avviso di garanzia per «turbata libertà di procedimento di scelta del contraente» è stato recapitato martedì 30 settembre all’ex assessore leghista e segretario regionale della Lombardia, Andrea Gibelli, per l'assunzione di un’ex collaboratrice al Viminale di Maroni, Mara Carluccio, in Eupolis, ente per la Ricerca e la Formazione della Regione.
LE PRESUNTE INSISTENZE DEL GOVERNATORE. Maroni, come riportato dal quotidiano La Stampa, attraverso il capo di gabinetto Giacomo Ciriello il 28 e 29 maggio scorsi avrebbe insomma fatto pressioni affinché ad accollarsi il viaggio di Paturzo fosse Expo. Così, «abusando del ruolo inerente la carica», Maroni «voleva che fosse comunque trovato il sistema per far pagare a Expo le spese di viaggio della Paturzo», per «dare un’indebita utilità a Paturzo». Alla fine, dietro pagamento di una penale all’agenzia di viaggio, toccò all’assessore alla Sanità Mario Mantovani andare in Giappone al posto dle governatore, con la responsabile delle relazioni istituzionali del Pirellone, Maria Luisa Scalise, il consigliere regionale Alessandra Lucchesi e l'autista di Mantovani, Fabio Gamba.

Correlati

Potresti esserti perso