Mohamed Fikri 141001124216
GIUSTIZIA 1 Ottobre Ott 2014 1248 01 ottobre 2014

Omicidio Yara, Mohamed Fikri risarcito di 9 mila euro

Il marocchino era stato accusato di omicidio per una traduzione errata.

  • ...

Mohamed Fikri, ingiustamente accusato dell'omicidio di Yara nel 2010 per una traduzione sbagliata.

La Corte d'Appello di Brescia ha deciso un risarcimento di 9 mila euro nei confronti di Mohamed Fikri, il giovane marocchino accusato e incarcerato ingiustamente per l'omicidio di Yara Gambirasio.
IN PRIGIONE PER TRE GIORNI. Il 4 settembre 2010 era stato messo in prigione per tre giorni in seguito a un'intercettazione di una sua telefonata. Per i legali della famiglia Gambirasio, infatti, avrebbe detto, in arabo: «Allah, perdonami, non l'ho uccisa io».
Ben presto si è scoperto che la traduttrice, che aveva intuito la radice del verbo 'uccidere' nella conversazione, aveva completamente sbagliato.
Traduzioni successive - 16 in tutto - e la nomina di un perito superpartes, hanno dimostrato che Fikri aveva detto un più innocuo: «facilitami in una partenza per il Marocco, mio Dio, mio Dio».
Il marocchino è stato completamente scagionato solo ad agosto 2013, dopo quattro udienze e accertamenti scientifici, perchè «il fatto non sussiste».
RICHIESTA MOLTO PIÙ ALTA. Secondo indiscrezioni, la richiesta di risarcimento di Fikri era molto più alta della cifra stabilita dalla Corte di Brescia.
Il marocchino, che ha ottenuto il permesso di soggiorno ma non ha ancora «trovato lavoro», probabilmente potrebbe iniziare la causa civile per il risarcimento dei danni, affidandosi all'avvocato che l'aveva difeso nell'odissea giudiziaria iniziata nel 2010. «Chiederemo il risarcimento allo Stato anche per il danno di immagine ed esistenziale recato al nostro assistito», aveva infatti dichiarato l'avvocato Roberta Barbieri all'indomani dell'archiviazione.

Correlati

Potresti esserti perso