Hong Kong 141003065810
PROTESTE 3 Ottobre Ott 2014 0655 03 ottobre 2014

Hong Kong, la Cina sfida Occupy Central

Gli studenti restano nelle strade. Ma per Pechino il movimento è destinato «alla sconfitta».

  • ...

Studenti di Occupy Central per le strade di Hong Kong.

Spiragli di dialogo a Hong Kong. Chiusura totale a Pechino.
Resta sempre altissima la tensione nell'ex colonia britannica, da giorni teatro della protesta del movimento pro democrazia Occupy Central che sta occupando il quartiere finanziario di Hong Kong per ottenere il suffragio universale nelle elezioni del 2017 e le dimissioni del capo del governo locale Chun-ying Leung .
PROTESTA BOCCIATA. Venerdì 3 ottobre, il giornale ufficiale del Partito comunista cinese (Pcc), il Quotidiano del popolo, ha pubblicato un nuovo editoriale fortemente critico verso gli studenti scesi in piazza. La loro causa, secondo il giornale, «è destinata alla sconfitta» e le loro rivendicazioni non sono «né legali, né ragionevoli» (giovedì 2 ottobre era stato scritto che i «manifestanti portano al caos, sono colpevoli di blasfemia di fronte alla legge e all'ordine»).
SPIRAGLI DI DIALOGO. Eppure a Hong Kong, i presidi istituiti dai giovani contestatori, anche se sembrano indeboliti forse per colpa del violento acquazzone che s'è abbattuto sull'ex colonia britannica, sono ancora in piedi (molti però sono tornati a casa).
Nella notte tra giovedì 2 e venerdì 3 ottobre, il «chief executive» ha respinto la richiesta di dimissioni, ma ha annunciato l'inizio di un dialogo con gli studenti.
I giovani, che in alcuni casi sono venuti alle mani con la polizia, hanno accettato la richiesta e sono in contatto con la «chief secretary» Carrie Lam, di fatto la numero due del governo dell' ex colonia britannica, per stabilire tempi e modalità del dialogo.
POLIZIA IN ATTESA. Tuttavia, Pechino non ha certo intenzione di abbassare la guardia. Secondo una rappresentante degli studenti, infatti, i poliziotti sono pronti a usare le maniere forti per contenere la protesta: secondo la ricostruzione del Corriere della Sera si sono viste casse di proiettili di gomma. Anche se poi il dietrofront della notte dovrebbe aver scongiurato l'intervento delle forze dell'ordine. Almeno per il momento.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso