Carabinieri 140905095025
GIALLO 7 Ottobre Ott 2014 2349 07 ottobre 2014

Donna uccisa in Calabria, sospetti sul compagno

Il cadavere era nascosto nel bagagliaio dell'auto. L'uomo non si trova.

  • ...

Una donna è stata uccisa con estrema violenza con alcuni colpi alla testa inferti con un corpo contundente.
Sospetti sul compagno della vittima, che non si trova, forse fuggito o forse suicida.
Era una storia burrascosa quella tra Maria Vommero, di 56 anni, venditrice ambulante di prodotti alimentari, vedova con due figli, e Franco Garritano, anch'egli di 56 anni, operaio edile, divorziato, pure lui con due figli.
In molti parlano della gelosia di lui, mai sfociata comunque in episodi di violenza, tanto che non risultano denunce da parte della donna nei confronti dell'operaio.
L'EPISODIO DOMENICA SERA. Garritano, forse al culmine di una lite, mentre i due erano a casa dell'uomo, avrebbe colpito la donna alla testa ripetutamente con un corpo contundente domenica 5 ottobre. Non si sa ancora se Maria Vommero sia morta subito o sia rimasta agonizzante per alcune ore prima di spirare, presumibilmente per dissanguamento.
IL CADAVEDERE IN MACCHINA. L'uomo, dopo essere rimasto per tutta la notte in casa in "compagnia" del cadavere della donna, l'indomani mattina ha legato il corpo, lo ha infilato in un sacco della spazzatura e lo ha nascosto nel portabagagli della Fiat Uno rossa della vittima, che ha lasciato a qualche chilometro di distanza, in una zona collinare, dandosi poi alla fuga a piedi, visto che la sua auto è stata trovata davanti casa.
Nel portabagagli della Fiat Uno accanto al cadavere sono stati trovati anche i due cellulari della vittima che i carabinieri stanno adesso esaminando per trovare elementi utili per ricostruire i momenti che hanno preceduto l'omicidio.
MACCHIE DI SANGUE CANCELLATE. I militari hanno trovato nella casa in cui è avvenuto l'omicidio solo qualche piccola macchia di sangue, segno che Garritano ha tentato di "cancellare" le tracce di ciò che aveva fatto, riuscendoci però soltanto in parte.
Il vero rebus di questa storia è che fine abbia fatto l'operaio e cosa sia scattato nella sua mente dopo che ha ucciso la donna al quale era legato sentimentalmente da alcuni anni.

Correlati

Potresti esserti perso