Ragazzo Seviziato Napoli 141010152219
VIOLENZA 10 Ottobre Ott 2014 1522 10 ottobre 2014

Napoli, migliorano le condizioni del 14enne seviziato

Uscito dalla terapia intensiva, è vigile. La madre: «Sedia elettrica per i colpevoli».

  • ...

L'autolavaggio 'Sprint' in via Padula nel quartiere Pianura di Napoli il 14enne è stato seviziato.

Migliorano le condizioni di Vincenzo, il ragazzino aggredito e seviziato il 9 ottobre in un autolavaggio a Pianura, quartiere di Napoli.
l 14 enne è stato trasferito dalla terapia intensiva nel reparto di chirurgia e il bollettino medico dell'ospedale San Paolo ha reso noto che il paziente è «vigile, cosciente e collaborante», nonostante la prognosi resti riservata.
PRESO IN GIRO PERCHÈ GRASSO. Vincenzo era stato preso in giro perchè soprappeso, poi bloccato dal suo aggressore che, dopo avergli abbassato i pantaloni, aveve soffiato con un tubo d'aria compressa provocandogli lacerazioni nell'intestino. Dopo il drammatico episodio un giovane di 24 anni è stato fermato e due ragazzi denunciati.
La madre della vittima, Stefania Romano, ha respinto duramente la difesa dell'aggressore del figlio: «Non è stato un gioco. Non lo deve dire nessuno. Quel ragazzo ha tentato di ammazzare mio figlio e chi era con lui è un vigliacco, perché non è intervenuto per aiutarlo».
«DOVREBBERO SOFFRIRE COME MIO FIGLIO». «Chi lo aggredito», ha continuato la donna, «è senza cuore. Come senza cuore sono quei due che non lo hanno difeso. Vigliacchi. Vorrei la sedia elettrica per loro, vorrei che soffrissero come ora sta soffrendo Vincenzo e come soffrirà negli anni futuri».
La signora ha sottolineato che il figlio non sa quello che gli è successo: «Non gliel'ho spiegato. Gli ho solo detto che l'hanno operato perché aveva l'aria nella pancia».
DE MAGISTRIS IN VISITA IN OSPEDALE. Anche Luigi De Magistris, sindaco sospeso di Napoli, che ha fatto visita al 14enne, ha sottolineato come non si possa definire l'accaduto un «gioco»: «Togliamo da mezzo un frasario in base al quale quanto accaduto é un gioco. Non lo è. Quanto accaduto è una cosa inaccettabile», ha commentato, «che va condannata senza se e senza ma. Il ragazzo sta meglio di ieri. Ho parlato con i medici, con i familiari, però la situazione resta ancora critica. È una vicenda inquietante, barbara, assurda, inaccettabile».
«Ho parlato con lui», ha aggiunto De Magistris, «gli ho detto che andremo insieme a edere una partita del Napoli. Sono certo che il ragazzo ce la farà», ha concluso, «gli ho anche fatto sapere che Napoli si stringe intorno a lui e ai suoi familiari».

Correlati

Potresti esserti perso