Expo 140510200325
PROTESTA 11 Ottobre Ott 2014 1646 11 ottobre 2014

Milano: corteo anti Expo, attivisti sulle gru

Alla manifestazione comitati, No Tav e centri sociali.

  • ...

Lavori in corso all'interno del cantiere di Expo 2015, Milano

In piazza e sulle gru contro l'Expo 2015. Vari centri sociali di Milano e di altre città del Nord e rappresentanti di comitati locali contro l'Expo stanno manifestando a Milano. Il corteo partito da piazza della stazione centrale sfila per le vie della città. La manifestazone è aperta da vari striscioni tra cui «Libertà da Expo» e Expo fa male». Alla protesta partecipano qualche centinaio di persone, che portano bandiere No Tav, dei Comitati anti-sfratti e del sindacato Usb.
«600 MILA EURO IN MAZZETTE». Quattro attivisti no-Expo si sono arrampicati su una gru della società Maltauro, nel cantiere di un palazzo in costruzione di fronte alla stazione per srotolare uno striscione contro l'azienda coinvolta in un'indagine sugli appalti dell'Esposizione del 2015: «600mila euro di tangenti, 4 parchi devastati», è il messaggio esposto dai quattro - vestiti di nero, cappuccio in testa e volto parzialmente coperto. L'azione di protesta è stata salutata da un applauso dei manifestanti. Al corteo partecipano anche i No Tav della Val di Susa con Alberto Perino: «Siamo contro le grandi opere, inutili sprecone e imposte», ha spiegato Perino, «Non si può tagliare la scuola, la sanità, il lavoro per fare del finto lavoro e grandi opere inutili».
«EXPO È MAFIA, EATALY È FAME». Alcuni piccoli gruppi di giovani con i volti coperti da maschere o da cappucci hanno imbrattato le vetrine di alcuni filiali di banche della zona e anche un muro sotto la sede del Pirellone, scrivendo con lo spray «Expo=Mafia, Maroni colluso», mentre sulle vetrate di molte banche lungo via Vittor Pisani sono state tracciate con lo spray scritte «NoExpo». I manifestanti si sono fermati anche per un breve presidio davanti alla sede di Eataly in piazza 25 Aprile scandendo slogan contro il suo fondatore, come «Farinetti sfruttatore» e scrivendo sulle mura: «Eataly è fame».

Articoli Correlati

Potresti esserti perso