EMERGENZA 13 Ottobre Ott 2014 2200 13 ottobre 2014

Maltempo, bombe d'acqua e trombe d'aria al Nord

Genova trema ancora: allerta fino a mezzanotte. Premi ai dirigenti, è polemica. Parma allagata, evacuati nell'Alessandrino. Miglioramenti dal 15 ottobre.

  • ...

Le famigerate bombe d'acqua - ovvero la terminologia tanto in voga per definire i 'gavettoni' temporaleschi che si accaniscono su una singola zona -, allagamenti, frane, trombe d'aria (foto).
Il maltempo non ha dato tregua, flagellando il Nord Italia per tutta la giornata di lunedì 13 ottobre.
E i nubifragi sono attesi anche sulle regioni centrali, prima di un parziale miglioramento da mercoledì 15 ottobre.

Genova trema, poi respira: ma non è finita

L'esercito in azione a Genova.

A Genova sono trascorse altre ore di paura, tra nuove scariche di pioggia e l'Allerta 2 fino a mezzanotte.
La città è più pulita grazie agli angeli del fango e all'esercito arrivato con i grandi mezzi per spalare.
Ha piovuto nella zona al confine con il basso Piemonte: due treni con circa 50 passeggeri sono rimasti bloccati per l'allagamento dei binari sul tratto Acqui Terme-Genova.
A Campo Ligure e a Rossiglione fango e acqua hanno invaso qualsiasi cosa.
FRANE E ALLAGAMENTI SULLA A7. È stata chiusa la provinciale del Turchino, il torrente Stura ha superato il livello di guardia. Frane e allagamenti sull'A7 hanno portato alla chiusura di tratti autostradali.
Disagi anche all'aeroporto per il forte vento con voli dirottati.
Poi tutto è tornato alla normalità, prima di un altro temporale brevissimo e molto intenso che ha scosso Genova intorno alle 15.

QUASI 2.400 IMPRESE DANNEGGIATE. Il bilancio, intanto, si gonfia. Ci sono oltre 300 milioni di danni pubblici (altri 100 per le imprese).
Quasi 2.400 le attività danneggiate, il doppio rispetto a quelle dell'alluvione del 4 novembre 2011.
Il governatore Burlando ha annunciato che è stato raggiunto un accordo politico per mettere in sicurezza la città.
In un primo momento, grazie allo Sblocca Italia, Genova avrà 25 milioni: 18 per il Bisagno e 7 per il Chiaravagna. Ma, ha detto il sindaco Doria, serve anche «una deroga al patto di stabilità».

Tweet su 'Genova'

IPOTIZZATO IL DISASTRO COLPOSO. Intanto la procura di Genova ha ampliato il fascicolo d'indagine sulla morte dell'ex infermiere ipotizzando il disastro colposo.
Quando verso sera le precipitazioni si sono attenuate, il peggio sembrava passato. Ma il capo della Protezione civile Franco Gabrielli ha avvertito: «La situazione non è assolutamente tranquilla. Le piogge sono in attenuazione soprattutto sulla Liguria, ma i carichi si stanno riversando nei bacini e dunque aspettiamo per le prossime ore le ondate di piena».

Parma sott'acqua: ponti chiusi e crollati

La situazione a Parma in una foto pubblicata dal sindaco Pizzarotti.

Del resto l'emergenza si è allargata oltre Genova e la Liguria.
Particolarmente colpita Parma: la parte Sud-Ovest della città è stata allagata dall'esondazione del torrente Baganza.
Tutti i ponti sono stati chiusi per parte della giornata e uno, il Navetta, è crollato. Diversi residenti ai piani bassi e negli scantinati sono stati evacuati; le acque hanno invaso anche una casa di cura.

Tweets di @ComuneParma

IL SINDACO: «NON USCITE». Nel pomeriggio si sono sparse voci su un disperso, ma il sindaco Federico Pizzarotti ha smentito e ha invitato i suoi cittadini a non uscire di casa.
È stata decisa la chiusura delle scuole per martedì 14 ottobre.

In Piemonte comuni isolati: auto travolte

I danni del maltempo in Piemonte.

Allarme anche in Piemonte, specie nell'Alessandrino. La Provincia ha chiesto lo stato di calamità. Situazioni critiche a Novi e a Gavi, dove in sei ore sono caduti 380 millimetri di pioggia.
Tutte isolate le frazioni collinari. Ad Alessandria è stato chiuso per precauzione il ponte sulla Bormida.
OPERAI IN TRAPPOLA. Gli operai di una fabbrica di Borghetto Borbera sono rimasti bloccati per alcune ore da una frana che ha ostruito gli accessi dello stabilimento. A Omegna (Verbano-Cusio-Ossola) una frana di notevoli proporzioni si è staccata dalla montagna e ha invaso la strada provinciale della valle Strona, tra gli abitati di Canova e Prelo, nel comune di Germagno.
Un'auto in transito è stata travolta: sono stati i due occupanti, illesi, a dare l'allarme. Isolata la parte alta della valle Strona.

Tweet su 'alluvione piemonte'

In Lombardia strade, scantinati e sottopassi sommersi

Fitta pioggia su Milano.

Lo scenario non cambia in Lombardia. A causa di una frana è stata interrotta la circolazione dei treni tra le stazioni di Pino Tronzano e Maccagno, nel Varesotto.
Violenti nubifragi e una tromba d'aria nel Mantovano: strade e scantinati allagati vengono segnalati un po' ovunque.
PAURA A RHO. A Rho, nel Milanese, un sottopasso ferroviario è diventato una trappola per gli automobilisti: una giovane donna che si è trovata bloccata all'interno dell'abitacolo della sua vettura mentre l'acqua continuava a salire è stata salvata dai carabinieri.
FAMIGLIE EVACUATE IN VENETO. Piogge violente e trombe d'aria anche in Veneto. A Melara, nel Rodigino, 10 famiglie sono state evacuate.
In Toscana una tromba d'aria si è abbattuta sul litorale della Versilia, danneggiando alcuni stabilimenti balneari a Forte dei Marmi (Lucca).

Persistenza di temporali sulle regioni settentrionali

La Protezione civile ha diramato un nuovo avviso di avverse condizioni meteo che indica la persistenza di temporali sulle regioni settentrionali, sull'Umbria, in estensione al Lazio settentrionale.
RESTA LA CRITICITÀ ROSSA. Il 14 ottobre ancora massimo rischio idrogeologico (criticità 'rossa') sulla Lombardia Nord-occidentale e sulla Liguria di Levante.
Criticità 'arancione' (secondo livello) per rischio idraulico diffuso sulla Lombardia occidentale e per rischio idrogeologico localizzato su Lombardia settentrionale e meridionale, gran parte dell'Emilia Romagna, area Sud-orientale del Piemonte, zone dell'Alto Brenta-Bacchiglione in Veneto e gran parte della Toscana.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso