APPUNTAMENTO 15 Ottobre Ott 2014 1739 15 ottobre 2014

Vertice Asem, Milano blindata: 2 mila agenti per la sicurezza

Misure straordinarie per il summit Asia Europa. Divieti e niente metro in Duomo.

  • ...

I primi disagi sono cominciati mercoledì 15 ottobre, ma è solo per il 16 a Milano si percepirà realmente la portata dell'imponente sistema di sicurezza che ha blindato la città per il vertice Asem (guarda tutti i leader presenti), per il quale è previsto l'arrivo in città di oltre 50 tra capi di Stato e di governo dei Paesi europei ed asiatici. Tema: Un partenariato responsabile per la crescita sostenibile e la sicurezza.
E l'evento rischia di mandare in tilt il traffico. Ecco perché sono stati approntati 'blocchi volanti' della circolazione e cambi temporanei nella viabilità per lasciar passare i caroselli di auto blu.
Intervistato dal Corriere della Sera il questore Luigi Savina ha sottolineato come mai prima d'ora siano stati presi provvedimenti simili nel nostro Paese e che «nella sua storia forse Milano non ha mai vissuto per numeri, mezzi e preparazione della vigilia» un evento come questo.
2 MILA MILITARI PER LA SICUREZZA. «Noi stiamo affrontando tutto come banco di prova per Expo» ha assicurato Savina.
L'inizio dell'Asem è previsto il 16 ottobre giorno in cui, su precisa richiesta della Questura, il metrò della stazione Duomo sarà chiuso dalle ore 14 alle 24.
Nel capoluogo lombardo saranno presenti duemila militari tra carabinieri, poliziotti e finanzieri. La «copertura» delle personalità presenti è organizzata per cerchi concentrici, in modo da impedire qualsiasi «intrusione». Jet militari saranno pronti a decollare dall’aeroporto di Ghedi, nel bresciano, in caso di attacchi e di emergenze.
«IL MICO È LA ZONA ROSSA». L'aministrazione ha previsto: strade chiuse a singhiozzo per il passaggio delle delegazioni, la rimozione delle macchine posteggiate nella «zona rossa» del MiCo, il centro congressi di piazzale Carlo Magno 1. Inoltre il cuore di Milano sarà «blindato» per la cena in programma la sera del 16 ottobre a Palazzo Reale.
Il Comune inoltre ha invitato i cittadini a lasciare a casa l’auto e a utilizzare i mezzi pubblici di superficie.
I residenti della zona Fiera avranno però difficoltà a muoversi intorno a casa perchè nella stessa area della città si riuniranno i leader di 53 Paesi.
PIANO DI SICUREZZA STUDIATO DAI SERVIZI SEGRETI. Il piano di sicurezza è stato eleborato in base al lavoro di intelligence dei Servizi segreti e al flusso di informazioni.
Saranno l’Aise e l’Aisi (le Agenzie di informazioni e sicurezza esterna e interna) a curare le fasi più delicate del sistema di protezione delle personalità politiche. Ma la dislocazione delle forze dell’ordine e la gestione dell’ordine pubblico sono compiti del prefetto Francesco Paolo Tronca, il quale a lungo ha collaborato con il questore Savina e il comandante provinciale dei carabinieri, generale Maurizio Stefanizzi.
LE TRE AREE DI MILANO. Durante le riunioni che si sono susseguite nei giorni scorsi, sono state individuate tre aree «calde», dove il traffico resterà bloccato per buona parte della giornata. La prima corrisponde al tratto che da Linate, attraverso due canali principali (viale Forlanini-viale Argonne e viale Forlanini-corso XXII Marzo) porterà in centro. La seconda area è intorno al MiCo e copre tutta la zona della vecchia Fiera. L’ultima area è a Palazzo Reale, teatro della cena di gala offerta dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. Questi luoghi sono stati «bonificati» dagli artificieri fin dalle prime ore del mattino del 14 ottobre.
Le delegazioni straniere alloggeranno nei principali alberghi del centro, non mancherà però il «coinvolgimento» di hotel periferici ma strategici per la prossimità di grossi viali e raccordi autostradali, estendendo così la mappa dei luoghi da presidiare.
L'Asem non è però il solo evento in programma per il 16 ottobre: nella stessa giornata sono previsti anche due cortei.
PREOCCUPA IL CORTEO ANARCHICO. Il primo è organizzato dagli studenti, nel secondo invece sfileranno gli anarchici, che starebbero pensando a blitz sui mezzi pubblici e nei punti critici della viabilità, stando a quanto hanno riferito fonti investigative.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso