Nigeria Ragazze Boko 140512133756
SVOLTA 17 Ottobre Ott 2014 1650 17 ottobre 2014

Accordo Nigeria-Boko Haram, studentesse presto libere

Intesa tra le Forze armate e gli islamisti per cessate il fuoco. Scontri in Camerun.

  • ...

Nigeria: le liceali rapite dal gruppo terroristico islamico Boko Haram riunite in preghiera.

La fine dell'incubo è sempre più vicino.
Le Forze armate della Nigeria hanno annunciato il 17 ottobre un accordo per un cessate il fuoco con gli islamisti di Boko Haram.
Il che significa che le oltre 200 studentesse rapite a metà aprile nella città di Chibok sono destinate a essere liberate presto.
L'intesa è stato annunciato dal capo di stato maggiore Alex Badeh. Alla France-Presse il primo segretario della presidenza Hassan Tukur ha confermato che l'accordo raggiunto.
SECONDO INCONTRO NEL CIAD. La Bbc online ha aggiunto che l'ok per il rilascio definitivo delle giovani dovrebbe essere finalizzato in un altro incontro che si dovrebbe tenere a Ndjamena, Capitale del Ciad.
Fonti ufficiali, che hanno chiesto l'anonimato, hanno confermato che si sarebbe arrivati alla soluzione della drammatica vicenda dopo trattative condotte anche grazie alla mediazione del presidente ciadiano Idriss Deby.
GIALLO DELL'INTERLOCUTORE. Ma non mancano i dubbi: secondo alcuni osservatori si ignora l'identità di Danladi Ahmadu, l'uomo che Tukur ha presentato come il suo interlocutore in seno ai Boko Haram.

L'incubo cominciato il 14 aprile e la campagna 'Bring back our girls'

Tutto iniziò il 14 aprile. I fondamentalisti, dopo essere penetrati con forza all'interno di un liceo a Chibok nel Nord-Est del Paese, sequestrarono le ragazze portandole nel cuore della foresta al confine con il Camerun.
Alcune riuscirono a fuggire nelle prime ore del sequestro e nei giorni successivi al rapimento, ma della maggior parte di loro, circa 219, si persero le tracce.
Il 5 maggio in un video il leader dei Boko Haram, Abubakar Shekau, rivendicò il sequestro minacciando di venderle come schiave dopo averle costrette a convertirsi all'Islam.
RECITAVANO IL CORANO. La settimana seguente in un altro video vennero mostrate 130 ragazze, completamente velate mentre recitavano versetti del Corano.
Nella rivendicazione Shekau chiese la liberazione dei prigionieri Boko Haram in cambio delle liceali.
Il sequestro ha sollevato indignazione e sconcerto a livello mondiale con numerose personaggi politici, tra cui Michelle Obama, scesi in campo per reclamarne la liberazione nell'ambito della campagna 'Bring back our girls'. APPELLO ANCHE DI MALALA. Anche il premio Nobel per la pace Malala Yousafzai aveva lanciato un «appello al governo nigeriano e alla comunità internazionale a intensificare gli sforzi» per liberare le studentesse e aveva auspicato una «rapida e pacifica conclusione» della vicenda.
BOKO HARAM, SANGUE DAL 2009. Nati nel 2001-2002, è dal 2009 che i Boko Haram hanno compiuto le gesta più efferate: dalle bombe contro le chiese fino agli attacchi contro i villaggi. Secondo un conteggio di alcune organizzazioni non governative, le loro azioni terroristiche hanno causato la morte di migliaia di persone negli ultimi cinque anni.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso