santoro-travaglio-ansa.JPG_370468210
GIORNALISTI 17 Ottobre Ott 2014 0901 17 ottobre 2014

Travaglio-Santoro, lite in diretta tivù

Il conduttore all'opinionista: «Non si insultano le persone». E lui se ne va.

  • ...

Anche gli amici, qualche volta, litigano furiosamente. Tra Marco Travaglio e Michele Santoro, solidissima coppia televisiva, è successo in diretta a Servizio Pubblico, la sera del 16 ottobre.
Tutto è cominciato con un aspro confronto tra Travaglio e il governatore della Liguria Claudio Burlando. «Quando governerò per 30 anni andrò in televisione a rispondere delle porcate che ho fatto. Risponda lei delle porcate che ha fatto lei con il cemento a Genova», ha detto il giornalista, scatenando la reazione di Santoro: «Non si insultano le persone. Basta!».
A quel punto Travaglio si è alzato dalla sedia e ha lasciato lo studio.

Uno scontro plateale che ha suscitato le reazioni della stampa nazionale e degli opinionisti.

Se Il Giornale si è spinto a parlare di divorzio in diretta, l'umorista Luca Bottura già guarda avanti, e ha lanciato via Twitter una campagna per riunire la coppia.

Christian Rocca, direttore di IL, magazine mensile del Sole 24Ore, si è mostrato soddisfatto di poter assistere all'evento, inserendolo tra i più interessanti degli ultimi giorni con la contestazione di Grillo a Genova e lo scontro in procura a Milano.

Non sono in pochi, però, ad aver messo in dubbio la veridicità dello scontro, arrivando a parlare di messa in scena per risollevare gli ascolti bassi, come ha fatto il senatore di Forza Italia Maurizio Gasparri.

Ironica, come sempre, Selvaggia Lucarelli, che ha rievocato il ricordo della lite Travaglio e Berlusconi del 10 gennaio 2013, con tanto di spolverata dello sgabello.

Stando ad alcune indiscrezioni riportate dal sito Dagospia.com, tuttavia, lo screzio andato in onda non sarebbe che la punta dell'iceberg di un rapporto ormai logoro tra i due protagonisti del prime time di La7.
RAPPORTI GIÀ COMPROMESSI. A Santoro, in particolare, non andrebbe più giù l'imperante 'grillismo' del vicedirettore del Fatto Quotidiano, una linea che, a detta del conduttore, non farebbe altro che affossare gli ascolti della trasmissione, soprattutto per quanto concene lo zoccolo duro di Servizio pubblico.
TRA I DUE È GELO DA MESI. Si narra anche di trascorsi burrascosi, con i due che non si sarebbero rivolti la parola per mesi e Santoro restio a dare spazio al Fatto all'interno della propria creatura. Comportamento singolare se si considera che il talk di La7 è prodotto da una società all'interno della quale compare pure il quotidiano diretto da Antonio Padellaro

Correlati

Potresti esserti perso