Alfano 141010193418
DIRITTI CIVILI 19 Ottobre Ott 2014 0909 19 ottobre 2014

Coppie gay, Alfano: «Pronto a discutere, ma no a matrimonio e adozioni»

Il ministro dell'Interno: «Sarò vintage, ma per me i bambini devono avere un papà e una mamma».

  • ...

Il ministro dell'interno Angelino Alfano.

«Sono pronto a intervenire sul codice civile per una maggiore tutela patrimoniale delle coppie gay. Ci sono però due no che per noi sono insuperabili, e cioè il no ai matrimoni e il no alle adozioni per le coppie omosessuali. Sarò un po' vintage, ma per me i bambini devono avere un papà e una mamma». Intervistato da Repubblica e Messaggero, il ministro dell'Interno Angelino Alfano si è detto «pronto a discutere sulle unioni civili per una loro migliore regolamentazione».
LO SCONTRO SULLE TRASCRIZIONI. «Se ci sarà una nuova legge», ha detto Alfano, «noi la faremo valere ma, fin quando la legge non sarà cambiata, è mio obbligo e dovere attuare quella che c'è». Per questo «la firma di Marino non ha alcun valore giuridico. Io annullo tutte le trascrizioni. La mia contestazione è di natura giuridica e non politica. In Italia non è ammesso né il turismo nuziale, né il federalismo matrimoniale. Non è possibile andarsi a sposare in luoghi dove ci sono altre leggi e pretendere l'applicazione in Italia di quelle leggi estere. E neanche è previsto il federalismo matrimoniale, per cui ciascun sindaco di ognuno degli 8mila comuni può fare quel che gli pare».

Correlati

Potresti esserti perso