Sottomarino Svezia Stoccolma 141020153529
TENSIONE 20 Ottobre Ott 2014 0715 20 ottobre 2014

Svezia, il mistero del sottomarino-spia russo nel Baltico

La Marina di Stoccolma cerca un mezzo navale di Mosca. Che nega.

  • ...

È caccia a Ottobre Rosso nelle acque della Svezia. Da quattro giorni, la Marina di Stoccolma è in stato di allarme per la presenza di un sottomarino della Russia nel Baltico. Si tratterebbe addirittura di un mezzo navale spia che la Svezia punta a individuare e bloccare.
MOSCA NEGA. Mentre le navi del Paese scandinavo proseguono la ricerca, la Russia ha smentito che un suo sottomarino - per di più in difficoltà - si trovi nelle acque territoriali svedesi e s'è tirata fuori dalla mega operazione navale svedese. Anzi, il Cremlino ha suggerito di «chiedere informazioni al comando delle forze navali dell'Olanda», ipotizzando che si tratti di un sommergibile olandese a propulsione diesel-elettrico Bruinvis che ha recentemente effettuato esercitazioni, «compresi delle emersioni urgenti in superficie, molto vicino a Stoccolma».
RICERCA TRA I FIORDI. Secondo il giornale Svenska Dagbladet, che è stato il primo a dare la notizia del sommergibile, sin dalla notte di venerdì 17 ottobre, le forze armate svedesi sono entrate in stato di allerta lanciando una importante operazione di ricerca dopo che non meglio precisati segnali radio avevano fatto pensare a una «attività subacquea straniera».
Le ricerche si sono subito concentrate tra alcuni dei tanti fiordi che costellano le acque antistanti la capitale svedese, ma né il ministero della Difesa né fonti delle forze armate hanno poi voluto fornire particolari sulla vicenda.
CAPTATI I SEGNALI. Al centro del mistero, secondo la stampa scandinava, segnali radio con una frequenza tipica usata dai sommergibili russi in situazione di emergenza, circostanza che ha fatto pensare a una richiesta di aiuto da parte di una unità in difficoltà.
Una fonte anonima ha detto al Dagbaldet che i segnali sono stati intercettati a partire da giovedì 16 ottobre, e che sabato 18, quando già era stata lanciata la caccia, sono stati percepiti segnali criptati.
LA CACCIA CONTINUA. Al momento l'operazione di ricerca non ha finora dato alcun esito, anche se la Svezia, a livello ufficiale, si è limitata a dire che è ancora in corso.
Non c'è però alcun accenno a responsabilità straniere né accuse alla Russia, che pure, per la vicinanza dell'enclave di Kaliningrad dove è di stanza gran parte della flotta russa del Baltico con numerosi sottomarini, è spesso sotto i riflettori (in passato ci sono stati altri incidenti diplomatici, come il sorvolo irregolare dello spazio aereo svedese da parte di due caccia del Cremlino).

Correlati

Potresti esserti perso