Migranti Lampedusa 140102110506
SBARCHI 22 Ottobre Ott 2014 1323 22 ottobre 2014

Immigrazione, la Corte europea condanna l'Italia per i respingimenti

Giudicati illegittimi 35 casi di migranti allontanati dai porti dell'Adriatico verso la Grecia.

  • ...

Un barcone di migranti.

I respingimenti coatti verso la Grecia sono illegittimi. Per questo motivo la Corte europea per i diritti umani ha condannato l'Italia, accogliendo il ricorso presentato dall'associazione 'Dirittiumanipertutti', presentato nel 2009 per 35 casi di respingimento in Grecia (32 afghani, un eritreo e due sudanesi) dai porti dell'Adriatico.
«UNA VITTORIA STORICA». A far partire il ricorso furono Reza Karimi, Yasir Zaidi, Mozamil Azimi, e Najeeb Heideri, tutti afgani. Grazie ad associazioni e avvocati riuscirono a presentare il caso nel 2009. A coordinare l'iniziativa Alessandra Sciurba, allora responsabile dell'osservatorio anti discriminazione razziale di Venezia. «È una vittoria storica, e importantissima» - ha spiegato - «la Corte europea ha condannato l'Italia e la Grecia per quei respingimenti, per violazione dell'articolo 3 (tortura e trattamenti inumani e degradanti), per divieto di espulsioni collettive e per violazione dell'articolo 13 (diritto a un ricorso effettivo). Ora nessuno potrà più essere respinto, altrimenti andrà contro l'esito di questa sentenza».
NO A PAESE SICURO. Bocciato, dunque, il principio della Grecia come «Paese sicuro», che metteva a riparo le autorità italiane per praticare il «respingimento con affido al comandante».

Articoli Correlati

Potresti esserti perso