Senzo Meyiwa Sudafrica 141027100855
CALCIO 27 Ottobre Ott 2014 1018 27 ottobre 2014

Ucciso in una rapina Meyiwa, portiere del Sudafrica

A Johannesburg gli hanno sparato nell'abitazione della sua fidanzata. Era il capitano della nazionale.

  • ...

Senzo Meyiwa.

È finita in tragedia la carriera e la vita di Senzo Meyiwa, 27 anni, portiere e capitano della nazionale del Sudafrica.
Il giocatore è stato ucciso durante un tentativo di rapina avvenuto a Vosloorus, un sobborgo di Johannesburg.
La notizia è stata confermata da un tweet della polizia.
HA REAGITO CONTRO I MALVIVENTI. Secondo le prime ricostruzioni, Meyiwa - che giocava nel club degli Orlando Pirates - è stato raggiunto da un colpo di arma da fuoco mentre si trovava a casa della fidanzata.
A sparargli sarebbe stato uno dei due uomini entrati nell'appartamento e che poco prima gli avevano sottratto il cellulare, mentre un complice era rimasto all'esterno.
Lo sparo sarebbe stato causato da un tentativo di reazione del giocatore.
SABATO AVEVA GIOCATO E VINTO. Solo nella serata di sabato 25 ottobre Meyiwa - il cui decesso è avvenuto mentre veniva portato in ospedale - aveva giocato con il suo club nella partita vinta per 4-1 all'Orlando Stadium contro l'Ajax di Città del Capo.
I tre sospettati dell'omicidio sono fuggiti a piedi. La polizia ha offerto una taglia a chi dovesse fornire informazioni che contribuiscano al loro arresto.

Tutto lo sport sudafricano è rimasto sotto choc dopo la notizia. Un Paese intero è stato sconvolto. Soprattutto gli atleti. Il centrocampista Dean Furman ha twittato dall'Inghilterra, dove gioca con il Doncaseter: «Sono devastato dalla perdita del nostro capitano e amico».
Ryan Habana, campione del mondo di rugby col Sudafrica nel 2007, ha scritto un messaggio: «Non ci sono parole per la tragica morte di Seyiwa, un vero eroe sudafricano scomparso troppo presto».
«RENDIAMO SICURO IL PAESE». Darren Keet, portiere e compagno di squadra in nazionale di Meyiwa, prima ha twittato il suo dolore («le mie condoglianze alla famiglia e a tutti gli amici»), poi ha lanciato l'accusa: «Quando finirà tutto questo? Rendiamo sicuro il Sudafrica, per tutta la nostra gente».

Insulti alla fidanzata: il portiere era sposato

Via Twitter però è stata anche indirizzata una pioggia di insulti nei confronti di Kelly Khumalo, cantante e attrice, e fidanzata dello sfortunato ragazzo.
Sul profilo della donna sono comparse imprecazioni di vario genere. I contestatori fra l'altro ricordano che Meyiwa era sposato con un'altra donna.
«Mi dispiace molto per la moglie», ha scritto Bayanda Bikitsha, «che ha avuto a che fare con un marito traditore e ora con questa morte; Kelly vada a nuotare con gli squali».
«ADULTERA E STREGA». Altri hanno accusato la Khumalo, definendola adultera e strega. Ma c'è anche chi l'ha difesa, visto che «deve essere traumatizzata dopo la tragedia. Vergognatevi a parlare così di questa donna, indipendentemente da ciò che pensate di lei».
La Khumalo, che in Sudafrica è abbastanza nota, ha un altro bambino, avuto da una relazione con il cantante Molemo Maarohanye, che si trova in carcere per omicidio.
AGGREDÌ LA MOGLIE. Probabilmente a suscitare tanta antipatia da parte della Khumalo c'è anche qualche altro precedente poco edificante, come l'arresto della donna avvenuto qualche tempo fa per aver aggredito violentemente Mandisa, la legittima moglie del povero giocatore ucciso.
L'ultima foto di Meyiwa con la sua nuova fidanzata Khumalo è stata posta dalla stessa donna su un social network poche ore prima della morte del giocatore.

Tweets di @Kelly_Khumalo

Articoli Correlati

Potresti esserti perso