Bruti Liberati Robledo 140515212426
LITE FRA PM 28 Ottobre Ott 2014 2057 28 ottobre 2014

Bruti-Robledo, il Consiglio giudiziario: «Situazione insostenibile»

Delibera milanese: «Intervenga in fretta il Csm, quadro deteriorato, diffuso disagio». 

  • ...

Alfredo Robledo ed Edmondo Bruti Liberati. Sullo sfondo un corridoio del tribunale di Milano.

Sullo scontro tra il procuratore capo di Milano Edmondo Bruti Liberati e l'aggiunto Alfredo Robledo è intervenuto il Consiglio giudiziario milanese, che in una delibera ha scritto che «la situazione conflittuale è ormai insanabile e insostenibile» e impone «la trasmissione» degli atti sia al pg della Cassazione sia a quello della Corte dei conti.
«REVOCA IMPROPRIA». Il provvedimento con cui Bruti Liberati ha revocato la delega dell'anti-corruzione a a Robledo è stato «utilizzato per risolvere in modo improprio (...) l'esistenza di un conflitto». Si è trattato di un «esautoramento completo». Si legge nella delibera.
«RISPOSTE URGENTI». Nella delibera si legge inoltre che «il quadro» al Palazzo di Giustizia è «fortemente deteriorato e ha bisogno di risposte urgenti» dal Csm che «siano in grado di superare il diffuso disagio di magistrati, avvocati, organi investigativi e cittadini».

Correlati

Potresti esserti perso