Isabella Votino 120802114230
GIUSTIZIA 30 Ottobre Ott 2014 1515 30 ottobre 2014

Maroni, portavoce intercettata da Dda di Reggio Calabria

L'Espresso: Isabella Votino seguita dall'antimafia per i suoi contatti con alcuni indagati. Lei querela

  • ...

Isabella Votino.

Per oltre un anno Isabella Votino, la portavoce del governatore lombardo Roberto Maroni, è stata intercettata dai magistrati della procura antimafia di Reggio Calabria. Lo ha rivelato L'Espresso nel numero in edicola il 31 ottobre.
PRESUNTI FONDI RICICLATI. La donna, ha scritto il settimanale in una anticipazione, «è finita nell'inchiesta sul lato oscuro della Lega, l'intreccio tra professionisti calabresi e politici del partito che, secondo i magistrati, avrebbero riciclato sia i fondi del movimento padano sia quelli della 'ndrangheta, in particolare della potente famiglia De Stefano, che da 20 anni domina Reggio Calabria. I contatti della Votino, che è stata portavoce di Maroni anche al ministero dell'Interno, con alcuni di questi indagati hanno fatto scattare l'iniziativa dei pm antimafia».
CONTATTI CON INVESTIGATORI MILANESI. Dalle intercettazioni, secondo quanto ha scritto L'Espresso «emergono inoltre contatti della Votino con investigatori milanesi per tentare di ottenere informazioni su inchieste in corso che potrebbero interessare persone vicine alla Lega e a Maroni. Ed emerge anche il suo peso nel tessere relazioni politiche con esponenti di primo piano del centrodestra. Oltre alla Votino è finito intercettato un altro fidato uomo di Maroni, l'avvocato Domenico Aiello, legale del governatore lombardo».
VOTINO SPORGE QUERELA. Votino, dal canto suo, ha voluto immediatamente prendere le distanze dai contenuti dell'articolo. «Come suo solito, l'Espresso diffonde volgari insinuazioni con l'intento di colpire gli avversari politici», ha dichiarato, «visto però che il mio nome viene affiancato a un'inchiesta su 'ndrangheta e riciclaggio, per altro risalente ai noti fatti del 2012, che non mi vede in alcun modo coinvolta ed essendo questo altamente infamante per la mia onorabilità e professionalità ho dato mandato al mio legale di presentare querela per diffamazione aggravata». «Se fosse vero poi che sarei stata intercettata per così tanto tempo dalla procura di Reggio Calabria» - ha aggiunto - «tanto meglio, perché risulterà evidente l'assoluta correttezza del mio comportamento. In tutti questi anni non ho fatto altro che svolgere il mio lavoro con la dedizione e la professionalità che persino l'articolo dell'Espresso non ha potuto fare a meno di riconoscere».

Correlati

Potresti esserti perso