Isis 141031110244
TERRORISMO 31 Ottobre Ott 2014 1100 31 ottobre 2014

Isis, 15 mila foreign fighters in Siria e Iraq

L'allarme dell'Onu per i miliziani che si uniscono alla jihad: «Arrivano da 80 Paesi».

  • ...

La città siriana di Kobane sotto assedio dell'Isis.

Un numero di combattenti stranieri «senza precedenti» che si sono uniti alla jihad, da Paesi che non avevano mai fornito 'manodopera' al terrorismo islamico.
È l'allarme lanciato dall'Onu in un rapporto di cui il quotidiano britannico Guardian ha avuto un'anticipazione. Sono «15.000» i 'foreign fighters' partiti alla volta della Siria e dell'Iraq per combattere accanto all'Isis o ad altri gruppi estremisti.
IN ARRIVO DA 80 PAESI. Provengono da 80 Paesi diversi, di cui l'Onu non ha fornito una lista dettagliata, limitandosi a nominare solo i luoghi che mai prima di oggi erano stati patria di futuri jihadisti: Maldive, Cile, Norvegia.
«Dal 2010 a oggi sono partiti più foreign fighters di quanti non ne siano partiti nel ventennio 1990-2010. E stanno aumentando», è scritto nel rapporto.

Correlati

Potresti esserti perso