Grasso Cucchi 141105131123
INCONTRO 5 Novembre Nov 2014 1216 05 novembre 2014

Cucchi, Pietro Grasso ha incontrato la famiglia

Il presidente del Senato con i genitori e la sorella di Stefano: «Mi sono commosso».

  • ...

Il presidente del Senato Grasso con la famiglia Cucchi.

Il presidente del Senato Pietro Grasso ha incontrato i familiari di Stefano Cucchi: «Bisogna far sì che la morte di Stefano non sia stata vana e costruire una società che rispetti diritti dei più deboli: ciò deve fare uno Stato che si definisce civile», ha detto Grasso al termine dell'incontro.
«VERSO LA VERITÀ». «Lo Stato che rappresento», ha aggiunto Grasso, «farà tutto il necessario affinché in futuro non accada mai più una cosa simile. Non si può tollerare che chi è in custodia dello Stato possa vedere annientata la propria vita. Cercheremo di sensibilizzare tutti i rappresentanti istituzionali per fare e luce sulla vicenda e andare verso la verità». L'incontro è stato definito da Grasso «privato e istituzionale» allo stesso tempo, «nato dall'esigenza di vicinanza e solidarietà che ci è stata rappresentata dalla famiglia». Accompagnando i genitori e la sorella di Stefano Cucchi Grasso si è anche commosso: «Mi sono commosso incontrando la famiglia Cucchi: la morte di Stefano è una vicenda che ci colpisce in maniera molto forte».
ILARIA: «PRESI IN GIRO PER CINQUE ANNI». La sorella di Stefano, Ilaria Cucchi, ha commentato così: «In questi giorni ci sono dei segnali importanti e di svolta, ma per cinque anni io e la mia famiglia siamo stati presi in giro. Oggi la seconda carica dello Stato ha detto che è inaccettabile ciò che è accaduto. Noi continuiamo a credere nella giustizia. Sia chiaro che io non voglio che sia trovato un capro espiatorio, ma la verità».
ESPOSTO CONTRO IL PERITO. «Sto andando in procura per presentare un esposto contro il professor Paolo Albarello per avere commesso falsità in una perizia», ha aggiunto Ilaria Cucchi a margine dell'incontro con il presidente del Senato Pietro Grasso. Paolo Albarello fu consulente dell'accusa nel processo di primo grado: sua la perizia che attribuì le responsabilità della morte ai medici del Pertini, che poi furono condannati. La perizia sancì che Stefano morì in ospedale per fame e sete. Già all'epoca del primo processo Ilaria Cucchi si lamentò perché «il professor Albarello intervistato da Canale 5 disse che il suo compito sarebbe stato quello di dimostrare la totale responsabilità dei medici, ancor prima di iniziare le operazioni peritali».
TESAURO: «LASCIAMO FARE ALLA GIUSTIZIA». Anche il presidente della Consulta Giuseppe Tesauro è intervenuto sul caso Cucchi a margine dell'inaugurazione dell'Anno accademico dell'Università di Macerata: «Sono cose talmente delicate, tristi. Certo c'è un problema, ma insomma lasciamo fare alla giustizia, che è lenta, molto lenta, ma alla fine un risultato lo si ottiene».
LA DENUNCIA PUÒ RIAPRIRE LE INDAGINI. La magistratura già nelle prossime ore potrebbe decidere per un'inchiesta bis. Il procuratore Pignatone aveva chiesto «fatti nuovi» per riaprire le indagini: l'esposto contro il professor Paolo Albarello potrebbe rientrare nella categoria. I familiari di Cucchi hanno sottolineato come la perizia, a loro giudizio, fosse mirata a «minimizzare le lesioni di Stefano». L'esposto è ora al vaglio dello stesso procuratore Pignatone.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso