Suor Cristina 140606121042
SPETTACOLO 10 Novembre Nov 2014 0719 10 novembre 2014

Suor Cristina: «Io a Sanremo? Non lo escludo»

Dopo il successo a The voice of Italy, la religiosa punta al palco del teatro Ariston.

  • ...

Suor Cristina, vincitrice del talent 'The Voice' 2014.

Suor Cristina, ospite di Fabio Fazio a Che Tempo Che Fa, dove ha presentato per la prima volta in una trasmissione tv il suo disco Sister Cristina, vuole il teatro Ariston. «Io a Sanremo? Potrei accogliere la possibilità, aspetto un invito», ha detto, «siamo aperte a tutto».
La vincitrice dell'ultima edizione di The Voice of Italy ha commentato la sua esplosione mediatica, fatta di numeri come i 70 milioni di visualizzazioni in rete della sua prima esibizione al talent show: «La mia non è fama, la vivo come un messaggio che non dipende da me».
«SIAMO ARRIVATI NELLE PERIFERIE». L'amore per il canto accompagna la religiosa fin dall'adolescenza («prima mi ha allontanato da Dio e poi mi ci ha riportato»), ma la partecipazione a The Voice ha avuto anche un altro significato: «La musica è soltanto un mezzo per dimostrare che ho incontrato Cristo: grazie a The Voice siamo arrivate nelle periferie con i doni che abbiamo, seguendo l'invito di Papa Francesco».
Per Suor Cristina la musica non è solo un dono, ma anche una passione: «Elisa e Giorgia sono le mie preferite, ma quando sono andata in Brasile ho imparato ad amare anche il rock cristiano, mi piace molto il suo ritmo».
TWEET DI ALICIA KEYS E WHOOPI GOLDBERG. A rimanere affascinati dalla religiosa sono state anche star internazionali come Alicia Keys e Whoopi Goldberg, che hanno scritto tweet sulla sua versione di 'No One', e Madonna, che ha commentato il primo singolo di Suor Cristina, Like a Virgin, cover di un suo successo del 1984: «Ha detto che siamo 'sisters for life'? La musica è una cosa che unisce». Sulla scelta del primo singolo, dal testo originariamente provocatorio, Suor Cristina dice: «Ho guardato alle parole senza pensare al passato: la caratteristica dei cristiani è di vedere tutto con occhi nuovi».
La copertina dell'album ritrae la religiosa seduta accanto a una sedia vuota: «Quella sedia rappresenta l'accoglienza, la Chiesa è sempre stata aperta a tutti, ora anche di più».

Correlati

Potresti esserti perso