Sunia Corvetto 141111172533
MILANO 11 Novembre Nov 2014 1720 11 novembre 2014

Milano, assalito circolo Pd durante assemblea Sunia per la casa

Un gruppo di incapucciati ha fatto irruzione nella sede in zona Corvetto. Locali distrutti.

  • ...

Una manifestazione del Sunia-Cgil.

Una ventina di persone incappucciate ha fatto irruzione nel circolo del Partito democratico di via Mompiani, nella zona di Corvetto a Milano, mentre era in corso una riunione del Sunia-Cgil, il sindacato degli inquilini delle case popolari. Gli incappucciati hanno lanciato all'interno alcuni fumogeni.
ALFIERI: «GESTO DA CONDANNARE». Durante la seduta del Consiglio regionale, il consigliere e segretario del Pd lombardo, Alessandro Alfieri, ha chiesta all'Aula di condannare il gesto: «Poco fa è successo un episodio molto grave al circolo del Pd di Corvetto: un gruppo di persone incappucciate si è introdotto durante l'assemblea del Sunia, ha gettato dei fumogeni e ha distrutto la sede. Da quanto mi hanno riferito, con le forze dell'ordine è intervenuta anche un'ambulanza».
Alla riunione, oltre ai militanti del Pd e ai rappresentanti del Sunia, erano presenti anche gli inquilini delle case Aler della zona.
LO STRISCIONE E POI LA VIOLENZA. Gli aggressori avrebbero prima cercato di srotolare uno striscione con la scritta «Blocchiamo gli sgomberi, no alla Tav», poi avrebbero iniziato a distruggere suppellettili e a imbrattare muri con vernice rossa. Il lancio di fumogeni ha spinto i presenti, quasi tutti anziani, a uscire di corsa dai locali che si trovano a livello della strada: alcuni sono scappati anche attraverso le finestre.
SOLIDARIETÀ DALL'ALER. L'Aler di Milano, l'azienda di edilizia residenziale, in un comunicato ha espresso «la propria solidarietà al segretario del Sunia, Stefano Chiappelli, e a tutti gli inquilini presenti oggi nella sede Pd di via Mompiani».
MALORE PER UN ANZIANO. Al momento Solo una persona, un settantenne colto da malore, ha avuto bisogno di cure in seguito all'assalto, ma non sarebbe in gravi condizioni.

Correlati

Potresti esserti perso