Forza Nuova Sapienza 141121120044
PROTESTA 21 Novembre Nov 2014 0800 21 novembre 2014

Tor Sapienza, blitz di Forza Nuova a Ostia

Manichini impiccati. Il Campidoglio: «Un atto odioso». Bagnasco: «Spettacolo tristissimo».

  • ...

Forza Nuova a gamba tesa contro gli immigrati.
Nella notte tra il 20 e il 21 novembre, alcuni militanti di estrema destra della sezione di Ostia hanno affisso uno striscione per manifestare contro il centro di accoglienza dell'Infernetto, finito sotto i riflettori per l'arrivo dei minori trasferiti da Tor Sapienza.
«Italiano impiccato, immigrato tutelato. Prima gli italiani», questo il testo del messaggio (guarda le foto).
Durante il blitz, gli attivisti di Forza Nuova hanno anche appeso al cavalcavia della stazione Lido Nord un pupazzo impiccato.
LA CONDANNA DEL COMUNE. La risposta del Campidoglio non si è fatta attendere. «Speriamo che le forze dell'ordine possano assicurare alla giustizia i responsabili e fermare questo tipo di atti», ha affermato l'assessore al Sociale di Roma Capitale, Rita Cutini.
«L'ho detto e lo ripeto: i centri per minori sono un obbligo. Questi ragazzi sono sotto la nostra tutela perché non hanno figure adulte di riferimento. Quindi fare un atto contro questi centri è particolarmente odioso. Non possiamo permetterlo».
BAGNASCO: «SPETTACOLO TRISTISSIMO». E i recenti episodi di tensione tra residenti e rifugiati a Tor Sapienza sono stati definiti «uno spettacolo tristissimo che non fa onore al Paese»» dal cardinale Angelo Bagnasco, arcivescovo di Genova e presidente della Cei, secondo il quale «la sicurezza e la legalità» e «il desiderio di un domani migliore» sono valori che «vanno coniugati insieme». «Per chi viene in modo legale», ha detto Bagnasco, «lo Stato e le amministrazioni trovino sistemazioni adeguate», mentre «i cittadini devono poter continuare una vita serena e tranquilla senza timori e paure. Non credo che ci sia da nessuna parte una radice razzista, le eccezioni ci possono sempre essere in tutte le situazioni, ma non è questo l'animo del nostro popolo».

Correlati

Potresti esserti perso