Polizia Cleveland 141123082131
STATI UNITI 23 Novembre Nov 2014 0812 23 novembre 2014

Cleveland, 12enne con pistola giocattolo ucciso da poliziotto

Vittima un ragazzino di 12 anni, colpito allo stomaco e morto in ospedale. 

  • ...

Un'auto della polizia di Cleveland.

Un poliziotto ha sparato a un ragazzino di 12 anni armato di pistola. Ma l'arma era solo uno giocattolo. È successo a Cleveland, nell'Ohio. Due agenti hanno risposto ad una chiamata in un parco giochi, dopo che alcuni testimoni avevano visto il ragazzino puntare la sua pistola verso di loro. Gli hanno chiesto di alzare le mani, il 12enne si è rifiutato e ha diretto la mano verso la pistola che era nella cintura. A quel punto i poliziotti hanno aperto il fuoco e uno dei proiettili ha colpito il ragazzino allo stomaco.
RICOVERATO IN GRAVI CONDIZIONI. «Gli agenti hanno scoperto che si trattava di una pistola giocattolo solo dopo la sparatoria», ha riferito la portavoce della polizia, Jennifer Ciaccia. Il ragazzino è morto in ospedale. In base alle prime ricostruzioni, due poliziotti hanno risposto ad una chiamata in un parco giochi davanti a un centro ricreativo, il Cudell Recreation Center, alla periferia ovest della città, dopo che alcuni testimoni avevano visto un ragazzino «nero» che brandiva una pistola puntandola verso alcune persone. I due agenti, una recluta in servizio da un anno e un veterano, gli hanno chiesto di alzare le mani, ma il 12enne si è rifiutato e ha diretto la mano verso la pistola ad aria compressa che era nella cintura. A quel punto, la recluta ha aperto il fuoco. Operato d'urgenza, le sue condizioni sono peggiorate nella notte e la mattina del 23 novembre è deceduto.
«PUÒ ESSERE FINTA». A quanto si apprende dalle registrazioni audio al 911, il testimone che ha telefonato per dare l'allarme ha subito detto che la pistola poteva essere finta e che il 'sospetto' era un ragazzino, ma la conversazione non è stata comunicata ai due poliziotti intervenuti. Entrambi i poliziotti sono stati posti in congedo amministrativo mentre sono in corso le indagini.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso