Darfur Soldati Sudan 130727235225
ESTERI 24 Novembre Nov 2014 1420 24 novembre 2014

Africa, in Darfur stupro di massa: oltre 210 vittime

Anche decine di bambine violentate a el-Fasher in Sudan. I responsabili sarebbero militari.

  • ...

Miliziani armati presenti in Darfur anche dopo il cessate il fuoco con il Sudan.

Terribile caso di violenza sessuale in Africa.
Duecentodieci donne, tra cui 79 adolescenti tra i 14 e i 18 anni e 8 bambine tra i 10 e i 13 anni, sono state violentate nella notte tra il 31 ottobre e il primo novembre a Tabit, villaggio a 45 chilometri dalla capitale del Nord Darfur, el-Fasher, in Sudan.
RESPONSABILI MILITARI ESERCITO. Lo ha confermato 'Italians for Darfur' dopo voci senza riscontro che si erano diffuse nei giorni scorsi, aggiungendo che i responsabili sarebbero militari dell'esercito sudanese e milizie filogovernative come atto di rappresaglia dopo la scomparsa nell'area di un loro commilitone.
NESSUN RISCONTRO FINORA. La notizia, ha precisato Italians for Darfur in una nota, è rimasta sottotraccia perché la missione Onu dispiegata nella regione (Unamid) non aveva trovato riscontri sull'accaduto, ma ora è diventata di dominio pubblico «grazie al tam tam delle organizzazioni per i diritti umani che hanno raccolto la denuncia di una radio indipendente del Darfur, Radio Dabanga. Questa ha trasmesso le testimonianze dei residenti di Tabit che hanno avuto il coraggio di raccontare ciò che era avvenuto nonostante le minacce di ulteriori ritorsioni» .
MANIFESTAZIONE A ROMA. 'Italians for Darfur' ha annunciato quindi che venerdì 28 novembre, alle 10, sarà in piazza Montecitorio per manifestare assieme ai profughi sudanesi in Italia che hanno organizzato una dimostrazione davanti al parlamento.

Correlati

Potresti esserti perso