Recep Tayyip Erdogan 140407122306
DIRITTI 24 Novembre Nov 2014 1900 24 novembre 2014

Turchia, Erdogan alle femministe: «Le donne facciano le madri»

Il leader turco: «Sono su piano diverso dagli uomini. Abbiano almeno 3 figli».

  • ...

Recep Tayyip Erdogan, presidente turco.

Dopo la 'riscoperta' dell'America ecco le stoccate alle femministe. Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan torna a far discutere con una nuova uscita rumorosa dopo quella con la quale aveva 'riscritto' la storia del Nuovo continente «trovato dai musulmani altro che Cristoforo Colombo».
«Considerare uomo e donna sullo stesso piano è contro natura, i due generi sono diversi per indole e costituzione fisica: le donne devono fare le madri», ha ammonito il 'sultano' turco intervenendo al vertice internazionale Donne e giustizia organizzato a Istanbul dalla Women and Democracy Association esplorando il terreno della differenza di diritti tra uomini e donne.
«L'ABORTO? UN OMICIDIO». Erdogan, al quale molti dei suoi detrattori imputano un disegno di 'reislamizzazione' del Paese, ha chiarito a modo suo con un esempio: «Non si possono mettere sullo stesso piano una donna incinta e un uomo», ha spiegato, esortando le mamme turche ad avere «almeno tre figli» e condannando l'aborto come «un omicidio».
Ma Erdogan non si è fermato qui. E proprio al vertice internazionale sui diritti delle donne ha sferrato un duro attacco alle femministe, colpevoli queste di «rifiutare il concetto di maternità». Per rafforzare il concetto ha chiamato in causa la religione. «L'Islam», ha detto, «ha definito il ruolo delle donne: essere madri. Ed è un concetto che non è possibile spiegare alle femministe».
Citando Maometto, Erdogan ha ribadito che «il paradiso si colloca ai piedi delle madri». E commosso ha aggiunto: «Vorrei baciare i piedi di mia madre perché profumano di paradiso».
I REPUBBLICANI: «DISCORSO CHE INCITA ALL'ODIO». «Quello di Erdogan è un discorso che incita pubblicamente all'odio», ha tuonato Aylin Nazliaka, deputata del Partito repubblicano, accusando il presidente di continuare ad «ostracizzare» le donne. «Continuerò ad avversare quest'uomo che non fa alcuna differenza tra i terroristi e le donne», ha aggiunto la parlamentare.
Le posizioni intransigenti del capo dello Stato turco, eletto alla presidenza nel mese di agosto, sono state più volte fortemente criticate da numerose attiviste. Nel Global gender gap report 2013, stilato dal World economic forum, che aveva preso in considerazione la parità di genere in 136 nazioni, la Turchia si era aggiudicata il 120esimo posto, annoverando tassi di violenza domestica dieci volte superiore rispetto a quella registrata in altri Paesi europei.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso