Putin_tigre
ESTERI 26 Novembre Nov 2014 2100 26 novembre 2014

Cina, polemiche per attacchi 'tigri di Putin'

Un felino rimesso in libertà dal presidente russo fa strage di capre.

  • ...

Vladimir Putin con una tigre.

Una delle 'tigri di Putin', i felini riportati alla vita selvaggia dal presidente russo, è protagonista di una serie di attacchi in Cina, nella regione di confine dell'Heilongjiang.
Ustin, questo il nome dell'animale, ha ucciso altre 13 capre in una fattoria della regione.
A riferirlo l'agenzia Xinhua.
PREOCCUPATI ALLEVATORI. Preoccupati gli allevatori: «Lunedì notte la tigre è arrivata in silenzio. Il cane del vicino ha abbaiato, sono uscito fuori ma non ho visto nulla. La mattina dopo ho aperto il cancello delle capre le ho trovate quasi tutte morte», ha raccontato Guo Yulin, il proprietario dell'ultima fattoria attaccata.
IMPRONTE OVUNQUE. Gli esperti di tigri siberiane hanno rilevato impronte ovunque, secondo loro le tracce di Ustin «sono inequivocabili».
Cinque cuccioli di tigre sono stati recuperati dagli esperti russi nel 2012.
Putin, protagonista di una serie di campagne per la conservazione delle specie in via di estinzione, ne ha rimesse in libertà tre nell'estate 2014.
Due di loro, Ustin e Kuzya, hanno intrapreso un lungo viaggio 'sconfinando' in Cina ad ottobre, dove ora sono protagoniste di una sequela di attacchi.
In tutto il mondo sono rimaste solo 600 tigri siberiane allo stato selvaggio, una trentina sono in Cina.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso