Carolina Kostner 140915133113
SPORT 2 Dicembre Dic 2014 1939 02 dicembre 2014

Doping, Carolina Kostner: «Non ho mai coperto Alex»

La difesa della pattinatrice dopo la richiesta di squalifica: «Accusa insopportabile».

  • ...

La pattinatrice azzurra Carolina Kostner.

La pattinatrice Carolina Kostner, per la quale la procura antidoping del Coni ha chiesto una squalifica di quattro anni e tre mesi per «complicità» e «omessa denuncia» del presunto tentativo di elusione di un controllo antidoping da parte dell'allora fidanzato Alex Schwazer, si difende attraverso una intervista pubblicata il 2 dicembre dal Fatto Quotidiano: «Non coprirei mai chi si dopa e non merito una squalifica di più di quattro anni. Potrei decidere io stessa di voltare le spalle alle gare», ha detto Kostner.
«L'AVREI CONVINTO A CONFESSARE». «Se avessi saputo che Alex si dopava», ha dichiarato la pattinatrice, «per il suo bene innanzitutto, l'avrei convinto a confessare. L'accusa di averlo coperto è per me insopportabile. Io non mi sono mai dopata, non ho mai aiutato Alex a farlo, e non ne ho saputo nulla fino a che il test è tornato positivo. Com'è possibile che chiedano una punizione più alta per me rispetto a tanti atleti squalificati per doping?».
CARRIERA A RISCHIO. Il ciclone Schwazer non l'ha risparmiata. La pattinatrice altoatesina, bronzo alle olimpiadi di Sochi, rischia una pena pesantissima che potrebbe macchiare, proprio sul finire, la sua carriera. Il processo è atteso per metà gennaio e intanto Schwazer (la cui squalifica termina a gennaio 2016) spera di poter partecipare ai Giochi di Rio 2016, una eventualità sulla quale il presidente del Coni, Giovanni Malagò, non si pronuncia: «Schwazer spera di andare ai Giochi di Rio? Su questo argomento non faccio il tifo nè in un senso e neppure nell'altro. Ci sono delle norme e questo vale sia nella giustizia sportiva che in quella ordinaria. Sono norme non certo legiferate da me che dicono come a fronte di un tipo di comportamento sia prevista una certa entità della pena», ha sottolineato il numero uno dello sport italiano.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso