Germania 141203110919
MISTERO 3 Dicembre Dic 2014 1105 03 dicembre 2014

Germania, ristoratore italiano ucciso in Renania

L'uomo gestiva un locale a Nierstein. È stato freddato con 15 colpi di pistola. Arrestato un connazionale.

  • ...

Un mezzo delle forze dell'ordine tedesche.

Un italiano originario della zona di Vasto, nella provincia di Chieti, Domenico Antonio Battista, 51 anni, è stato ucciso a colpi di pistola a Nierstein in Germania, davanti al suo ristorante-pizzeria 'La Casa'.
L'omicidio - secondo quanto riportato dal sito online Vastoweb.com - è avvenuto nella notte di sabato 29 novembre nella località dove Battista aveva aperto la sua attività, a Nieirstein, in Renania vicino Mainz.
ARRESTATO UN ITALIANO. Secondo fonti della procura locale, la polizia tedesca ha arrestato un 36enne italiano, sospettato di essere l'esecutore.
Sul profilo Facebook di Battista compaiono tanti commenti di cordoglio e immagini di chi sul posto ha organizzato anche una veglia. Il suo ultimo commento con una foto che ritrae un dolce è del 27 novembre, due giorni prima di essere ucciso.

ESPLOSI 15 COLPI. Da quanto si è appreso, l'uomo è stato ucciso con una quindicina di colpi. Uno di questi - secondo la testimonianza dei familiari - lo avrebbe raggiunto al cuore colpendolo mortalmente.
Battista era originario di Lentella un paesino dell'entroterra del Vastese, mentre la famiglia vive a Vasto dopo che suo padre Egidio e sua madre Concetta erano partiti agli inizi degli Anni 60 alla volta della Germania a Magonza non molto distante da Nierstein.
DISPERATA LA MADRE. «Voglio sapere la verità sulla morte di mio figlio Domenico, nessuno me lo può ridare, ma voglio sapere perché lo hanno ucciso in questo modo», è stato il grido di dolore della madre. Che poi ha aggiunto: «Gli ho sempre detto di stare attento e di essere prudente. E ora me lo hanno ucciso».
Secondo quanto spiegato dalla donna, l'uomo chiamava a casa «regolarmente ogni settimana, almeno due o tre volte» e l'ultima volta è stata «giovedì 27 novembre».

Articoli Correlati

Potresti esserti perso