Massimo Carminati 141202154333
INCHIESTA 4 Dicembre Dic 2014 0827 04 dicembre 2014

Mafia Capitale, nel libro mastro di Buzzi gli stipendi dei politici

Nascosto a casa della segretaria. Al suo interno nomi e importi delle tangenti.

  • ...

Massimo Carminati, ex dei Nar e della Banda della Magliana.

Nell'inchiesta sulla mafia a Roma, tra i risvolti che hanno portato alla scoperta di un giro illegale di milioni di euro, è spuntato un «libro nero» di Salvatore Buzzi.
Un vero e proprio registro, dove i vertici di questa organizzazione criminale segnavano nomi e cognomi dei politici da sitpendiare, dei politici collusi, delle persone da sistemare.
FINANZIATE LE CENE DI ALEMANNO. Come ha riportato La Repubblica, su questo libro sarebbero stati riportati stipendi come «Panzironi: 15.000 euro al mese; Pucci: 5.000 al mese». Ma anche finanziamenti, come 75 mila euro per le cene elettorali di Gianni Alemanno.
I carabinieri del Ros hanno trovato questo libro a casa di Nadia Cerrito, la segretaria di Buzzi, che aveva il compito di tenerlo nascosto a casa sua. Tra le pagine spiccano nomi e cifre di ogni tipo: dagli «stipendi» dei politici romani amici, alle tangenti per gli appalti, fisse per tutti al 2,5% del valore complessivo.
E il quotidiano diretto da Ezio Mauro riporta anche gli importi delle bustarelle una tantum. Si parte dai 25 mila euro elargiti a Claudio Turella, funzionario del Servizio giardini, per aver scorporato l'Iva per la pulizia della città dopo l'emergenza neve del 2012.
UNA CARRIERA INIZIATA A REBIBBIA. Tra queste cifre poi spuntano i versamenti per il consigliere regionale del Pd Eugenio Patanè, i 40 mila euro per la fondazione Nuova Italia di Gianni Alemanno, i 30 mila per la fondazione Alcide De Gasperi, che vede Angelino Alfano presidente.
Buzzi, come ha sottolineato Repubblica, ha iniziato la sua carriera in carcere. A Rebibbbia, dove è stato detenuto fino al 1991 per omicidio, ha fondato una cooperativa per il reinserimento dei detenuti nel mondo del lavoro. Da qui è iniziata la sua scalata, che lo ha portato al vertice di un gruppo di potere con un fatturato di 60 milioni, e farlo sedere nei consigli di amministrazione di 12 società.

Correlati

Potresti esserti perso