Alberto Bonanni 141207141008
CRONACA 7 Dicembre Dic 2014 0800 07 dicembre 2014

Roma, morto il musicista pestato: era in coma da tre anni

Alberto Bonanni si è spento dopo tre anni di coma vegetativo. Era stato aggredito per schiamazzi nel rione Monti.

  • ...

Alberto Bonanni.

Dopo tre anni trascorsi in coma vegetativo, è morto il musicista picchiato la sera del 26 giugno 2011 in strada, mentre era con amici nel rione Monti, una delle zone più calde della movida nel centro di Roma.
Alberto Bonanni è deceduto il 6 dicembre per insufficienza respiratoria nel suo letto d'ospedale a Subiaco, vicino alla Capitale
«Alberto non c'è più», ha gridato mamma Patrizia quando il figlio ha emesso l'ultimo respiro.
Sei mesi trascorsi nel reparto di terapia intensiva all'ospedale San Giovanni: trauma cranico e 21 ore dopo il 29enne Alberto è entrato in coma.
LETTO VICINO ALLA FINESTRA. La testa fasciata, un visibile gonfiore nel lato destro. Aveva il letto vicino alla finestra del reparto al secondo piano del San Giovanni. «Così almeno può vedere il cielo», diceva Patrizia mentre gli stringeva la mano.
I medici scoprirono anche un tumore cerebrale, «ma avrebbe vissuto altri 20 anni», dicevano i genitori.
Gaetano Scalise, l'avvocato della famiglia Bonanni ha sempre affermato che «il ragazzo è in coma a seguito dei colpi ricevuti, colpi che hanno creato un'ematoma».
Per quell'aggressione, scattata per gli 'schiamazzi' che avrebbero fatto la vittima e i suoi amici, ad aprile la Corte di Appello di Roma ha disposto l'aumento di pena da nove a 13 anni e mezzo di reclusione per Massimiliano Di Perna, noto come 'Il Pittore' e Gaetano Brian Bottigliero, riqualificando il reato di lesioni gravissime in tentato omicidio.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso