Policlinico Gemelli Roma 111024124831
ALLARME 9 Dicembre Dic 2014 2101 09 dicembre 2014

Bimbo morto per meningite, profilassi per 23

Al Gemelli di Roma si presentano in 60. Apprensione tra i genitori davanti alla scuola.

  • ...

Una veduta esterna del Policlinico Gemelli di Roma.

La febbre altissima e le condizioni precipitate così rapidamente lasciavano pochi dubbi su un caso di meningite, ma ora sono arrivate le prime conferme degli accertamenti clinici. È deceduto per una «sepsi meningococcica», il bimbo di cinque anni ricoverato nei giorni scorsi in gravissime condizioni prima all'ospedale Sant'Eugenio e poi al policlinico Gemelli di Roma. Nelle prossime ore si avranno i risultati degli esami effettuati al piccolo durante il ricovero che indicheranno quale è il tipo di meningococco che ha causato il decesso.
PROFILASSI PER 23 BIMBI. E intanto sono circa 60 i bimbi che negli ultimi due giorni si sono presentati al policlinico romano per sottoporsi alla profilassi antibiotica, effettuata solo su 23 di loro (e non a 60 come riferito in un primo momento) perché gli altri non ne avevano bisogno. In mattinata si è dato invece l'ultimo saluto al piccolo. La messa è stata celebrata nella basilica dei Santi Pietro e Paolo, in zona Eur dove il bimbo abitava. Presenti anche le maestre della scuola materna che frequentava. Il dispiacere per la morte improvvisa si mescola alla paura tra i genitori degli altri bimbi che frequentano lo stesso plesso scolastico. «Siamo molto preoccupati per i nostri figli» - ha spiegato Riccardo, papà di una bambina della scuola statale che si trova nello stesso edificio della materna che frequentava il bimbo, «soprattutto perché c'è stata una totale assenza di comunicazione da parte dell'Asl. Abbiamo saputo di quello che era accaduto tramite il passaparola tra i genitori».
MENSA E PALESTRA IN COMUNE. I genitori hanno spiegato che le due scuole hanno in comune sia la mensa sia la palestra e quindi i bambini si incontrano spesso, soprattutto in questo periodo perché con le prove per il coro di Natale si fanno spesso scambi di classe. Così Riccardo ha preferito non mandare a scuola la sua bambina. «Ci hanno detto che è stata fatta una disinfezione, ma per sicurezza la tengo a casa anche domani» - ha concluso - «Ho preferito farle la profilassi antibiotica perchè non è vaccinata a tutti i ceppi di meningococco. Ho girato tantissime farmacie per trovare quell'antibiotico perché nella nostra zona era diventato introvabile».

Correlati

Potresti esserti perso