Uber India 141208185029
ESTERI 9 Dicembre Dic 2014 1900 09 dicembre 2014

India, morta giovane arsa viva da stupratori

Fu bruciata viva da aggressori rimessi in libertà. Polizia denuncia Uber per truffa dopo caso stupro.

  • ...

L'azienda Uber bandita nella capitale indiana.

Dopo ore di atroci dolori per le ustioni sull'80% del corpo è morta il 9 dicembre la ragazza indiana di 17 anni che aveva coraggiosamente denunciato i suoi stupratori a Ludhiana, nel Punjab, ma che giovedì 4 dicembre è stata aggredita, cosparsa di cherosene e arsa viva proprio dai tre balordi che nel frattempo avevano ottenuto la libertà dietro cauzione.
STUPRO UBER. L'annuncio di questa nuova tragedia è giunto mentre l'opinione pubblica indiana sta seguendo passo passo la vicenda di Shiv Kumar Yadav, il tassista collegato con il servizio di noleggio taxi via 'app' Uber che ha a quanto risulta stuprato una passeggera di 26 anni, e che ora è in carcere.
STOP DA THAILANDIA. Dopo lo stop impostole l'8 dicembre dalle autorità di New Delhi, Uber ha ricevuto un'altra tegola per la decisione della polizia indiana di presentare nei suoi confronti una denuncia per truffa e per violazione dei regolamenti governativi.
E se non bastassero i guai planetari già esistenti per la compagnia, la Thailandia ed un giudice di Madrid le hanno ordinato il 9 dicembre l'immediata sospensione delle operazioni di trasporto passeggeri, mentre il Comune di Portland, in California, ha denunciato Uber per 'attivita' illegale', chiedendo ad un tribunale di imporre l'arresto del servizio
AUTISTA CON PRECEDENTI. Intanto sta emergendo dalle indagini indiane che Yadav aveva precedenti per violenza sessuale, e che dal 2009 per ben cinque volte, compresa quest'ultima, era incappato nella giustizia per molestie di donne.
Attualmente, ha assicurato Zee News Tv, era in libertà dietro cauzione.
Per quanto riguarda invece il decesso della giovane di Ludhiana si deve sottolineare che nonostante le minacce ricevute, a settembre aveva voluto lo stesso presentare una denuncia di stupro nei confronti di tre aggressori.
Arrestati dalla polizia, i tre individui sono riusciti però ad ottenere la libertà dietro cauzione.

Correlati

Potresti esserti perso