Bollate 130329154345
CRONACA 9 Dicembre Dic 2014 1030 09 dicembre 2014

Varese, arrestati 5 agenti penitenziari: favorirono evasione

Nel 2013 aiutarono la fuga di tre detenuti romeni fornendo una lima e un cellulare.

  • ...

Una mano apre una cella. Nel carcere di Bollate si vuole dare un senso alla pena.

Accusa pesante per cinque agenti di polizia penitenziaria lombardi.
I carabinieri della compagnia di Luino (Varese) hanno dato esecuzione a Varese e provincia di cinque ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse dal gip del tribunale di Varese.
FAVORIRONO EVASIONE DETENUTI ROMENI. I cinque agenti della polizia penitenziaria sono accusati di corruzione per aver favorito, in cambio di denaro, l'evasione di tre detenuti romeni dal carcere dei Miogni di Varese, il 21 febbraio 2013.
Un fuga che ebbe breve durata, in quanto i detenuti furono rintracciati e arrestati in Svizzera e in provincia di Pavia nelle ore successive all'evasione.
CONDIVIDEVANO CELLA. Uno dei romeni, Mikea Victor Sorin, 29 anni, stava scontando una condanna definitiva per sfruttamento della prostituzione.
Gli altri due Daniel Parpalia e Marius Georgie Bunoro, 28 e 23 anni, erano ancora in attesa di giudizio per furto aggravato.
Condividevano la stessa cella e insieme avevano pianificato la fuga.
Dopo aver segato le sbarre di un bagno adiacente alla stanza avevano raggiunto il cortile, avevano impilato dei cassonetti per salire sul muro di cinta e si erano calati all'esterno utilizzando le lenzuola.
AGEVOLATO DA COMPLICITÀ. Un piano che, secondo quanto è emerso dalle indagini coordinate dal pm di Varese Annalisa Palomba, sarebbe stato quindi agevolato dalla complicità degli agenti della polizia penitenziaria arrestati stamani.
In particolare gli agenti avrebbero fatto entrare nel penitenziario la lima utilizzata per segare le sbarre e un telefono cellulare, nascosto nelle parti intime della fidanzata di uno dei tre detenuti.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso