Israele Palestina 140701144319
TENSIONI 11 Dicembre Dic 2014 1159 11 dicembre 2014

Palestina, scontri dopo la morte del ministro

Battaglia con l'esercito israeliano. Che rafforza le truppe. Autopsie su Abu Ein divergenti.

  • ...

Soldati israeliani di presidio nel villaggio di Hebron.

Tensione alle stelle in Cisgiordania, all'indomani della morte del ministro palestinese Ziad Abu Ein a seguito degli scontri con l'esercito israeliano. Mentre l'autopsia del ministero della Sanità di Tel Aviv ha rivelato che la morte di Abu Ein è stata provocata da un blocco dell'arteria coronarica, forse per lo stress, a Hebron un centinaio di palestinesi ha attaccato i militari israeliani nei pressi della Tomba dei patriarchi e dell’insediamento di Kyriat Arba.
ALTRI DUE BATTAGLIONI DI TRUPPE. L’esercito dello Stato ebraico ha rinforzato la presenza dentro la West Bank, inviando due battaglioni di truppe scelte, su ordine del capo di stato maggiore Benny Gantz. Il timore è che la situazione possa degenerare in previsione delle esequie del ministro.
AUTOPSIE DIVERGENTI. Nella notte, intanto, si è svolta l’autopsia della salma, ma sui risultati c’è disaccordo: per i medici giordani e palestinesi Ziad Abu Ein è morto per «essere stato colpito, aver inalato lacrimogeni e non essere stato soccorso in tempo», mentre per quelli israeliani il decesso è avvenuto «a causa di un infarto» avvenuto quando il ministro era già nell’autombulanza.
«ISRAELE RESPONSABILE». Il portavoce dell'Autorità nazionale palestinese (Anp) Ihab Bseiso ha dichiarato: «Dopo aver ascoltato i risultati post-mortem, il governo palestinese ritiene Israele pienamente responsabile dell'uccisione di Ziad Abu Ein».

Articoli Correlati

Potresti esserti perso