Ismail Haniya 140724175524
ESTERI 17 Dicembre Dic 2014 1221 17 dicembre 2014

Il Tribunale Ue toglie Hamas dalla lista dei terroristi

Dal Lussemburgo la decisione di togliere l'organizzazione per motivi procedurali.

  • ...

Meshaal e Ismail Haniya, leader di Hamas a Gaza.

Il Tribunale Ue ha annullato l'iscrizione di Hamas dalla lista nera Ue delle organizzazioni terroriste «per motivi procedurali», ma ne mantiene temporaneamente in vigore gli effetti per garantire il congelamento dei beni. La Corte ha sottolineato che la decisione non implica apprezzamenti di fondo sulla natura di Hamas, ma la reazione di Israele è stata comunque durissima.
NETANYAHU: «IPOCRITI». «Non accettiamo i chiarimenti dell'Ue che la decisione del tribunale su Hamas sia soltanto un tema tecnico», ha detto il premier Benyamin Netanyahu. «Ci aspettiamo che l'Ue prontamente ridefinisca Hamas come organizzazione terroristica». E ancora: «Oggi abbiamo visto esempi sconvolgenti dell'ipocrisia europea», ha aggiunto commentando anche il riconoscimento dello Stato palestinese da parte del parlamento Ue. «A quanto pare troppe persone in Europa, nella stessa terra dove 6 milioni di ebrei sono stati massacrati, non hanno imparato alcunché».
BENI CONGELATI. A fine 2001 il Consiglio Ue aveva creato la lista nera delle organizzazioni terroristiche, contro cui è previsto il congelamento dei beni, iscrivendovi contestualmente anche Hamas che da allora vi è sempre stata mantenuta. Hamas ha quindi contestato questo mantenimento nella lista e, nella sua sentenza odierna, il Tribunale Ue ha constatato che gli atti del Consiglio sono fondati non su fatti esaminati e motivati da decisioni delle autorità nazionali competenti ma da imputazioni fattuali emerse dalla stampa o da internet.
DURATA DI TRE MESI. Le decisioni dell'Ue invece, per essere legali, devono basarsi su elementi concreti. Per questo Lussemburgo «annulla gli atti mantenendo allo stesso tempo i loro effetti al fine di garantire l'efficacia di ongi futuro eventuale congelamento dei beni».
La durata degli effetti è fissata a tre mesi o, se viene introdotto un ricorso davanti alla Corte, sino alla sua chiusura. Il Tribunale quindi ha sottolineato che l'annullamento dell'iscrizione di Hamas dalla lista nera Ue delle organizzazioni terroristiche, avvenuta «per motivi fondamentali di procedura», non implica «alcun apprezzamento di fondo sulla questione della qualificazione del movimento Hamas come gruppo terrorista» da parte del Consiglio Ue.
«NON È UNA DECISIONE POLITICA». Una precisazione, però, è arrivata dall'Alto rappresentante per la politica estera, Federica Mogherini, che attraverso il portavoce ha detto: «La decisione della Corte su Hamas è una sentenza legale, non una decisione politica, il Consiglio può decidere di fare appello, nel frattempo le misure restrittive restano in atto e questo significa che la Ue continua a considerare Hamas un'organizzazione terroristica».

Correlati

Potresti esserti perso