Alberto Stasi 140202104453
PROCESSO 18 Dicembre Dic 2014 1724 18 dicembre 2014

Garlasco, il pg: «Stasi 'scopritore' mimetizzato nell'assassino»

Lo ha detto il sostituto procuratore generale prima della condanna.

  • ...

Alberto Stasi.

«Lo Stasi 'scopritore' si è mimetizzato nello Stasi assassino». Con queste parole il sostituto procuratore generale di Milano Laura Barbaini, nell'aula della Corte d'Assise d'Appello, ha chiesto ai giudici di condannare Alberto Stasi per l'omicidio di Chiara Poggi. L'ex studente bocconiano, al termine del processo a porte chiuse, è stato condannato a 16 anni.
Per il pg «lo Stasi» che ha raccontato di aver scoperto il corpo di Chiara «si è mimetizzato» per anni «nello Stasi assassino», ossia nell'uomo che aveva ucciso.
NESSUN RICORSO. Il sostituto pg, allo stato, non è intenzionato a ricorrere in Cassazione per chiedere una pena più alta per Stasi. Il magistrato, che aveva chiesto per lui 30 anni, attenderà il deposito delle motivazioni, ma è orientato a non presentare ricorso sull'entità della pena, perché ritiene «equilibrata» la sentenza emessa dalla Corte d'Assise d'Appello di Milano.
LA MAMMA DI CHIARA: «FINALMENTE GIUSTIZIA». Intanto Rita Poggi, la mamma della vittima, ha commentato: «Qualsiasi sentenza non ci ridarà più Chiara, ma quanto meno abbiamo avuto giustizia».
La famiglia Poggi «è ancora frastornata» ma, come ha spiegato la signora Rita «più sollevata. Questa notte ho dormito in un altro modo, diciamo meno insonne. Adesso giorno per giorno la stanchezza passerà. Da sette anni aspettavamo questo momento».
Mamma Rita ha poi raccontato di avere ricevuto «tantissimi messaggi di solidarietà». Amici, parenti, conoscenti e anche sconosciuti hanno cercato lei, suo marito e suo figlio per condividere la loro vicinanza.

Correlati

Potresti esserti perso