STRAGE 19 Dicembre Dic 2014 0619 19 dicembre 2014

Australia, otto bambini uccisi a coltellate

Sarebbero tutti fratelli, di età compresa tra i 18 mesi e i 15 anni. Arrestata la madre. Foto.

  • ...

Otto bambini della stessa famiglia sono stati uccisi a coltellate in una casa nel quartiere di Manoora a Cairns, sulla costa Nord Est dell'Australia. La madre 34enne di sette di loro, ferita e portata in ospedale, è stata arrestata (guarda le foto).
Le vittime sono di età compresa tra i 18 mesi e i 15 anni. Al momento la donna è ricoverata in condizioni stabili ed è stata ascoltata dagli investigatori. I cadaveri sarebbero stati scoperti dal fratello più grande, 20 anni, al suo ritorno a casa.
L'area del crimine resterà sigillata per diversi giorni per consentire agli investigatori forensi di operare.
IL PREMIER: «GIORNI DI DURA PROVA PER IL PAESE». Tempestivo il commento del primo ministro Tony Abbott, il quale ha detto che la notizia di questo «indicibile crimine» spezza il cuore a pochi giorni dalla strage di Sydney.
«Tutti i genitori proveranno una tristezza immensa per quello che è successo. Questo sono giorni di dura prova per il nostro Paese. Stasera vi saranno lacrime e preghiere in tutto il nostro Paese per questi bambini», ha aggiunto. «I miei pensieri vanno alla polizia del Queensland e a tutti coloro che hanno dovuto rispondere a questa terribile situazione».
QUARTIERE VIOLENTO. Nel quartiere risiede una forte popolazione indigena, proveniente dalle isole australiane dello stretto di Torres, a nord del continente. «Tutti qui hanno un legame di parentela con le persone coinvolte», ha spiegato un giornalista del quotidiano locale Cairns Post alla radio nazionale Abc. «La gente è devastata. Ci dicono anche che la donna era una madre orgogliosa che amava profondamente i figli ed era molto, molto protettiva». Alcuni vicini hanno descritto un quartiere difficile, marcato dall'alcolismo e dalla violenza.

  • Cairns (Australia) il luogo dove il 19 dicembre è avvenuta la tragedia (mappa del Daily mail).

Correlati

Potresti esserti perso