Luogo Della Rapina 141219213654
CRONACA 20 Dicembre Dic 2014 0800 20 dicembre 2014

Asti, tabaccaio ucciso: caccia ai rapinatori

Posti di blocco per individuare i malviventi. Si cerca un'auto bianca. Si indaga nel passato della vittima.

  • ...

Il luogo della rapina ad Asti.

È caccia ai malviventi che il 19 dicembre hanno assaltato una tabaccheria di Asti, uccidendo il titolare Manuel Bacco (37 anni) per aver difeso la moglie.
In numerosi punti della città sono sono stati organizzati dai carabinieri, coordinati dal colonnello Fabio Federici, posti di blocco per cercare di braccare i banditi fuggiti senza incasso a bordo di un'auto bianca.
Sull'omicidio non è esclusa nessuna ipotesi, neppure quella che si possa trattare di un regolamento di conti legati ai precedenti della vittima.
Secondo gli investigatori i due aggressori sarebbero malviventi di professione, senza scrupoli.
RAPINATORI INCAPUCCIATI. Una tragedia che si è consumata in pochi minuti. Secondo la ricostruizione degli inquirenti un rapinatore incappucciato ha fatto irruzione nella tabaccheria di corso Alba alla periferia della città intorno alle 19.30 mentre il complice attendeva all'esterno.
Il primo aveva una pistola. Dentro, oltre al titolare, c'era la moglie e un cliente.
Pare che il malvivente abbia strattonato la donna con violenza: una scena che ha spinto il marito a reagire, un gesto che gli è costata però la vita. L'uomo non ha esitato a sparare: due colpi. I carabinieri hanno ritrovato i bossoli di una pistola semiautomatica.
SCENA RIPRESA DALLE TELECAMERE. «Aveva il volto coperto, non l'abbiamo visto», ha affermato un testimone. All'interno della tabaccheria c'e però un impianto di videosorveglianza e le telecamere hanno filmato tutta la scena. Le immagini sono in mano alla polizia scientifica della questura di Asti.
Manuel Bacco, padre di un figlio, è morto sul colpo. Il corpo, portato nella camera mortuaria dell'ospedale di Asti, è stato sottposto all'autopsia ordinata dal procuratore delle Repubblica, Giorgio Vitari.
È il secondo tabaccaio a essere ucciso negli ultimi giorni in Piemonte. A Torino, Enrico Rigollet, titolare di un bar tabaccheria, è stato picchiato a morte da uno squilibrato a cui qualche ora prima si era rifiutato di regalare un pacchetto di sigarette.

Correlati

Potresti esserti perso