Cristiano Guarnera 141219132505
INCHIESTA 20 Dicembre Dic 2014 0800 20 dicembre 2014

Mafia Capitale, sequestrati a Cristiano Guarnera 113 milioni di beni

Il numero degli immobili e dei terreni riconducibili all'uomo di fiducia di Massimo Carminati sono saliti a 274.

  • ...

Fermo immagine del video della Gdf sull'operazione con cui è stato sequestrato un patrimonio del valore di 100 milioni di euro riconducibile a Cristiano Guarnera.

Sono aumentati i beni sequestrati dalla guardia di finanza di Roma a Cristiano Guarnera, tra gli arrestati dell'inchiesta su Mafia Capitale.
A distanza di 24 ore dal sequestro di un patrimonio da 100 milioni di euro, si sono aggiunti altri 93 beni, tra immobili e terreni, del valore di oltre 13 milioni di euro.
NEL GIRO ANCHE IL NONNO 90ENNE. A quanto reso noto il 20 dicembre dalle Fiamme galle, i nuovi beni dell'imprenditore edile considerato uomo di fiducia di Massimo Carminati, sono stati scoperti dal Gico del nucleo di polizia tributaria di Roma nelle 'pieghe' della contabilità della società Edilizia Piera Srl., rappresentata dal nonno 90enne di Cristiano Guarnera e le cui quote sono intestate all'imprenditore arrestato e alla nonna.
Secondo gli investigatori questi immobili «a prima vista, non risultavano riconducibili alla società, in quanto le relative trascrizioni nei pubblici registri immobiliari erano state effettuate con una ragione sociale leggermente difforme e senza l'indicazione della partita Iva della società».
Il numero degli immobili e dei terreni riconducibili a Cristiano Guarnera sono saliti così a 274.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso